lunedì 13 ottobre 2014

Risotto con zucca (e l'olio dei suoi semi)


Zucca, zucca, magica zucca!
Mi basta guardarla e pensare un piatto. Un dolce o un primo. Non programmo prima, decido così all'ultimo.
Questa volta è stato il turno del risotto.
Non l'ho mai amato alla follia in verità, quelli provati in giro mi parevano sempre troppo stucchevoli, poi ho cambiato idea dopo aver provato questo, e lo step successivo è stato quello di oggi.
Con arancia si, ma anche con i semi di zucca e il loro olio.

Non è comune in Italia questo olio, ma dopo anni di permanenza al di là delle alpi, ne ho trovato corrispondenza in molte preparazioni, non solo dove nelle ricette è prevista la zucca vera e propria, ma anche nell'insaporire un'insalata o per dare un tocco insolito ad un dessert.



L'Austria (e più precisamente la regione della Stiriaè il maggior produttore di zucche da olio:
La polpa é  insignificante nel sapore per il consumo umano viene destinata all'alimentazione degli animali da fattoria, ma essendo ricca di semi privi di scorza (è una varietà tipica che ha subito una mutazione naturale) diventa ideale la sua coltivazione per produrre un olio di un verde scurissimo che in quelle  terre viene definito ORO VERDE.

Molte le proprietà benefiche e molto intenso il suo aroma.
Facilmente reperibile nei negozi e supermercati austriaci (ma si trova anche in Germania, Slovenia e Ungheria) durante il prossimo tour in Austria (per i mercatini di Natale o per un week-end sulle nevi) aggiungetelo alla vostra shopping-list!



Questo il risotto:
x 2 persone
160 gr. di riso Carnaroli Riserva San Massimo
200 gr. di zucca cruda e privata della buccia  (varietà: chioggiotta o marina)
1/2 scalogno
172 bicchiere di vino bianco
acqua bollente
sale, pepe
burro
parmigiano reggiano
scorza d'arancia grattugiata
1 cucchiaio di semi di zucca
olio di semi di zucca

In una pentola stufare lo scalogno con una noce di burro. Calare il riso e girando, tostarlo brevemente. Versare il vino bianco e farlo evaporare. Aggiungere la zucca tagliata a cubetti e continuare la cottura mescolando  il riso di tanto in tanto versando dell'acqua bollente. Dopo circa 18 minuti spegnere il fuoco e completare con  parmigiano, burro, scorza d'arancia, semi di zucca spezzettati e un giro di ORO VERDE!

martedì 30 settembre 2014

Gnocchi di zucca con caprino e salvia


E' l'estate che nell'immaginario decliniamo con i colori più vivi.
Ma che dire dell'autunno? Il verde non è ancora sparito e si mischia a sfumature gialle, pennellate di arancio
e macchie di rosso a tratti quasi scarlatte.

mercoledì 17 settembre 2014

Fagottini ripieni di melanzane e caprino




Le anomalie di questa estate, mi hanno dato voglia ed energia nell'applicarmi in alcune pratiche culinarie che ritenevo prettamente autunnali e/o invernali. Come preparare la pasta ripiena ad esempio - regina e protagonista nelle tavole delle feste ma lasciata nei periodi caldi a riposare tra i ricordi - non era venuto in mente di farla in giornate afose, ma  il clima in questi mesi ha giocato le sue carte, e nel fresco di un pomeriggio senza sole, ho impastato, assottigliato, e richiuso in una sfoglia sottilissima un ripieno che ricorda le vacanze e le cene all'aperto.