Baccalà in vasocottura


Dopo anni di blog, di chiacchiere e incontri spesso mi imbatto in dialoghi più o meno illuminanti sul tema PESCE:
-chi non lo sopporta proprio e non lo mangia mai
-chi teme sia troppo caro e non lo acquista mai
-chi è terrorizzato dall'odore (ma la definisce puzza) e non lo avvicina mai
-chi non sa come "prenderlo", squamarlo, pulirlo e non lo tocca mai
-chi non sa come cuocerlo e quindi alla fine non lo mangia mai, a casa, ma al ristorante si.

Bene, è una fortruna che sia nata in prossimità del mare?, sì forse, eppure mio padre era milanese e lo amava alla follia, amici valligiani facevano carte false per un fritto misto, e gli ex colleghi teutonici questuavano per avere un pesciolino cotto da me per la pausa pranzo.
Il pesce va cotto poco, maltrattato ancor meno.
Non sporca, a meno che non vogliamo lanciarlo contro i muri di casa.
Basta procurarsi quello giusto, quello che più è nelle nostre corde (se non amiamo friggere è inutile incaponirsi con i calamari) quello che con pochi passaggi ci consente di mangiare al meglio, senza stress e vivere felici.
Esistono i forni in tutte le case, ma si sporca ancor meno se usiamo un cartoccio, un foglio di carta Fata, una pentola con il coperchio e ohibò magari  un vaso chiuso ermeticamente (e chi dimentica l'albanella di Mauro Uliassi). 
I vasi li adoro, ho cotto tante cose dall'antipasto al dolce (anche gli spaghetti... si si proprio la pasta) e soprattutto quando la tavola è  affollata, capitano a fagiolo: si possono battere tutti i record e cuocerne 20, 40 o molti di più (dipende da quanti vasetti disponiamo).
Il baccalà costa poco, non ha lische, interiora e altre diavolerie. Non resta che cuocerlo.

BACCALA' in VASOCOTTURA con PATATE, CIPOLLA ROSSA e CURCUMA
x 4 persone

400 gr. di baccalà fresco
200 gr. di patate
1/2 cipolla rossa (piccola)
curcuma in polvere
sale, pepe
olio extra vergine di oliva

Lessare le patate, pelarle e schiacciarle grossolanamente con una forchetta. In una ciotola condirle con olio, pepe, sale e curcuma in polvere. Affettare sottilmente la cipolla. Tagliare il baccalà a pezzi abbastanza piccoli, unirlo alle patate e aggiungere la cipolla. Mescolare delicatamente. 
Riempire i vasetti appena sotto il bordo. Chiuderli ermeticamente con il coperchio provvisto di anello di gomma e ganci.
Sistemare i vasetti in una pirofila e aggiungere acqua fino a 2 cm. sotto il coperchio. 
Cuocere in forno 20 minuti a 160°.



You Might Also Like

11 commenti

  1. E proprio una bella idea questa del vasetto, bella de vedersi e anche molto pratica!
    Ciao
    Sandra

    RispondiElimina
  2. Complimenti, la ricetta è molto invitante e la foto bellissima!
    Posso chiederti dove hai trovato i vasetti col tappo amovibile e i ganci in metallo?
    ciao
    cristina

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Ciao Alex, ho finalmente trovato i vasi come quelli della foto e vorrei acquistarli per provare finalmente le ricette (quella del baccalà mi piace molto).

    Ho però 2 dubbi:
    1) la dimensione: ne ho trovati da 140ml, da 160ml, da 180 ml e uno più panciuto da 220 ml. Per la tua esperienza qual è la dimensione più "utilizzabile"? Ne devo acquistare una 20-ina a circa 3 euro l'uno e vorrei una dimensione il più "flessibile" possibile

    2) come sai quando ricevo ho almeno 12-14 commensali seduti a tavola e portare sul carrello 12 piattini con 12 vasetti aperti mi costringe ad almeno 2 giri e toglierei ai commensali il piacere di aprirsi il vasetto e deliziarsi per la sorpresa e i profumi.
    E' qui il punto: maneggiare vasetti a temperatura alta
    Per metterli su un cesto di servizio potrei "vestirli" con un tovagliolino, ma aprirli? Le molle sono in metallo... non vorrei dotare i miei ospiti di crema anti-ustioni...

    Aspetto le tue osservazioni. Grazie - Ciao

    RispondiElimina
  5. Trovata la marca del vasetto e le indicazioni nel tuo precedente post sulla carbonara!
    grazie

    RispondiElimina
  6. Sandra...li uso spesso, sia per non sporcare oltre il dovuto che per la presentazione ordinata e pulita
    Cristina V... si trovano facilmente all'estero, in Italia li trovo in Friuli e a Bolzano.
    Fabiola...ne ho di varie misure, ma per il servizio a tavola per antipasti, piccoli dessert ecc.uso quelli da 160ml (come quello nella foto)Quando ho molte persone a tavola, preparo già il piattino con il tovagliolino sopra e con un vassoio li sistemo uno ad uno. I ganci li devi togliere tu in cucina. Basterìa poi tirare un lembo dell'anello di gomma e il vasetto si aprirà. Non sono bollenti, la cottura spesso non supera i 100gradi. P.s. il prezzo é troppo caro. Te li posso procurare a moooolto meno.

    RispondiElimina
  7. Super! Il tuo blog è davvero grande!
    Grazie di esistere!
    Molto molto molto buon lavoro!
    baci
    voyance par mail gratuite
    voyance gratuite en ligne

    RispondiElimina
  8. Merci beaucoup pour tout ce que tu partages... Ton site est rempli de bonnes idées!
    Bonne continuation, et encore merci!

    voyance gratuite par email

    RispondiElimina
  9. Non ho capito se il vaso esterno si vende con quello interno o sono due cose separate. Nel caso,dove potrei trovarli?

    RispondiElimina
  10. Orchideabianca...non sono due vasi. E' un vasetto di vetro tecnicamente adatto per la cottura in forno ma anche sul fuoco all'interno di una pentola contenete dell'acqua.

    RispondiElimina
  11. Ho avuto l'opportunità, anzi la fortuna, di apprezzare anch'io pesce e molluschi (e che raffinatezza!) in vasocottura da Mauro Uliassi. E' proprio vero: pesce & Co. è argomento rarissimamente trattato nei blog. Grazie per avere proposto la preparazione di cui sopra! Proverò...... e prosegui su questa buona strada. Grazie! Magda

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design