Distinguersi: 3 giorni al Pastificio Felicetti

É ATTRAVERSO LA QUALITÁ CHE SI PUÓ DIFFONDERE L'IDEA DI BONTÁ

Tutto questo e molto altro durante 3 giorni trascorsi in luoghi da fiaba, che mi hanno permesso di entrare nell'essenza del lavoro, della passione, della storia e della tradizione.
Compagne di viaggio Ady Melles, Sara Bardelli, Sara Querzola e Spazia Fiori (AE media), che con me hanno condiviso momenti importanti, accompagnate e coccolate da Riccardo Felicetti e Christian Deflorian.
2009_11_22

 Una storia che nasce come passione di famiglia che si alimenta giorno dopo giorno nella crescita e nella ricerca, che trae forza e linfa vitale dal gruppo di lavoro, dal territorio, dalla coesione con gli abitanti, nel pieno rispetto dell'ambiente e delle risorse .
2011_06_101
Con queste premesse l'azienda si pone  in una dimensione umana e civile, che le permette di DISTINGUERSI dalla massa omologata e ahimè vittima consapevole di un certo modo di fare "mercato" e quindi in antitesi questo è  
ricerca costante, innovazione, creativitá, artigianalità, SENSIBILITA', attenzione alle risorse umane, alle materie prime e all'ambiente, in una struttura non gerarchica o piramidale ma orizzontale dove tutti sono partecipi e responsabili del lavoro, e dove l'idea o il suggerimento del singolo trovano eco ed ascolto da parte di tutti, perché utili a tutti nel conseguimento degli obiettivi.
2011_06_10

Che dire del luogo? Una location privilegiata oltre i 1000 metri dove acqua di sorgente (oltre i 2000 metri) e aria secca dolomitica garantiscono qualitá e rispetto delle risorse, elementi fondamentali per decidere quello che vogliamo per il nostro futuro: scegliere e abbracciare un modus operandi che possa garantire una qualità della vita non solo per OGGI  o ADESSO ma soprattutto per le generazioni a venire.
Dolomiti
L'attitudine al biologico nasce spontanea solo a guardare questi luoghi.
La conservazione del bello (ed il suo costante miglioramento) considerare cose semplici e sane come patrimonio da salvaguardare, partire da un ciclo produttivo autosufficiente dal punto di vista energetico ed immissioni nocive pari a 0...

Non è poco
E' molto
E' cantare fuori dal coro, è non sottostare alla dura legge dei grandi numeri, è non delocalizzare, è avvalersi di collaboratori ( eh si le maestranze vengono chiamate così) motivati ed in continua crescita.
E' orgoglio vero ( e non dettato da campagne ruffiane poco credibili...basta guardarsi un pò in giro e vedere come a cavalcare il cavallo vincente del bio sia prassi comune) sapere che quello che consumiamo sulle nostre tavole proviene da un lavoro etico, morale, da una cura delle materie prime, da una particolare attenzione alla salubrità e al benessere, è sentirsi coccolati, ma soprattutto non essere considerati dei semplici consumatori ma persone consapevoli, alla fine volte al raggiungimento della stessa meta: 
bontà e salute...per tutti.
passo rolle

You Might Also Like

9 commenti

  1. che bell'articolo alex, davvero. un bel dipinto realista di una bella realtà. chapeau!

    RispondiElimina
  2. Sagace, ficcante, intelligente quest post proprio come te ;)

    RispondiElimina
  3. Sarab...davvero una bella realtà, averla toccata con mano, non ha prezzo!! Ogni giorno cerco di portare in tavola non solo cose sane e buone, ma anche prodotte in modo "umano" e non selvaggio, le stesse cose le potrei dire nei confronti di tante altre aziende no-food (abbigliamento, calzature, mobili ecc...)
    Ady...tu mi lusinghi!!!

    RispondiElimina
  4. Grande Alex, non vedevo l'ora che lo pubblicassi! Condivido sppieno quello che hai scritto.

    A quando il prossimo week end tutte insieme? ;)

    RispondiElimina
  5. Deve essere stata una bellissima esperienza.. Mannaggia, mi siete mancate ragazze..
    Bellissim post Alex, ora finisco di leggerlo.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Rosicavo già al momento di declinare l'invito, immaginando che bello sarebbe stato. Ora è anche peggio. :/

    RispondiElimina
  7. Ciao Alex, complimenti per il post è bellissimo (come quelli delle tue colleghe).In questi pochi giorni passati insieme ho potuto scoprire quanto siete speciali; non solo bravissime a cucinare, ma anche uniche come persone.

    Grazie e a presto
    Cristian

    p.s. un abbraccio e grazie anche da Riccardo

    RispondiElimina
  8. Bellissimo articolo, davvero molto interessante!

    http://melagranata.it

    RispondiElimina
  9. Sara...spero presto!!! ci swiamo troppo divertite!!
    Sandra...ci sei mancata un casino anche tu!! organizziamoci dai...
    Sarah...avremo altre occasioni per stare insieme....spero a breve!!
    Christian...ma grazie a te e a Riccardo, of course... sono stati giorni splendidi e di bellissima condivisione!!
    Patrizia...ciao bella!!! grazie sei molto gentile!!

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design