Bigné fingerfood

Bigné salati

E dopo la teoria...ecco la pratica. Niente bigné dolci o profitteroles vari...ma un bocconcino salato e traditore...sì perchè uno tira l'altro!!
Tralasciando formaggi più "blasonati", ho utilizzato un semplice formaggio veneto fresco e cremoso che anche da solo in purezza si mangia a cucchiaiate senza ritegno...

Due righe su questo formaggio:
Casatella trevigiana DOP. E' un formaggio tipico prodotto con latte locale e lavorato in zone delimitate all'interno della Marca. Morbido, lucido e cremoso e praticamente senza crosta. Viene prodotto in piccole aziende casearie in provincia di Treviso e pare che il suo nome derivi proprio da "casa" o "casada"  ad  indicare la consuetudine di lavorarlo quasi "in casa" con tecniche solto semplici.
(Nel Veneto usiamo definire "de casada" molti prodotti gastronomici, rimarcando la loro realizzazione artigianale in piccoli laboratori o appunto in casa)
Per la sua particolare freschezza e cremosità ben si adatta ad accompagnare altri prodotti veneti quali i Funghi del Montello, il Radicchio di treviso, la soppressa vicentina in composizioni "rustiche"  consumate con l'immancabile polenta.


BIGNE' con Casatella Trevigiana DOP, Mortadella e pistacchi
x 25 bignè
50 gr di acqua
50 gr. di burro
1 gr. di sale
50 gr. di farina
90 gr. di uova intere (o due piccole)
In un pentolino portare a bollore acqua, burro e sale. Versare tutta in una volta la farina. Mescolare energicamente fino a che l'impasto si staccherà dalle pareti. Lasciar raffreddare brevemente ed aggiungere le uova a filo, sempre mescolando (con un frustino). Versare l'impasto in una tasca da pasticcere e formare su di una placca leggermente unta delle "noci" di pasta-bignè. (Eventualmente usare un cucchiaio e far colare l'impasto formando delle palline regolari) Cuocere a 220° per 10 minuti e a 180° per altri 8.
Estrarre i bignè e lasciarli raffreddare.

X il ripieno
140 gr. casatella trevigiana
4 fette di mortadella
2 cucchiai di pistacchi al naturale tritati
sale, pepe qb
In una ciotola mescolare la casatella con la mortadella tagliata grossolanamente. Aggiungere i pistacchi tritati e aggiustare di sale e pepe.

presentazione:
Tagliare orizzontalmente i bigné e riempirli con la crema. 

Post pubblicato in collaborazione con: I Buoni sapori d'Italia 

You Might Also Like

15 commenti

  1. fantastica questa farcia e davvero eccellente il post sui bignè!

    complimenti

    loredana

    RispondiElimina
  2. io sono ancora ferma a studiare la tua teoria. Per la pratica mi serve tempo!

    RispondiElimina
  3. Loredana...grazie!! un ripieno semplicissimo ma buono:))
    Ele...grazie!
    Sere...non studiare troppo la teoria...pesa gli ingredienti e metti in pratica...vedrai sarà facile!

    RispondiElimina
  4. Adoro i bigné salati! Devono essere buonissimi con questa farcia!!! Bravissima

    RispondiElimina
  5. Meravigliosi! Ne ho fatti ieri sera alcuni salati, ma molto meno raffinati di così!!.....pistacchi e mortadella: c'est genial!!

    RispondiElimina
  6. Il formaggio non lo conoscevo, ma non ho dubbi che sia buonissimo...e piazzato poi dentro quei gusci e arricchito come hai fatto tu è senza dubbio da mangiarsi "a cucchiaiate senza ritegno..." :DDDD

    RispondiElimina
  7. che belli! ma cosa hanno sopra, e soprattutto, su cosa sono appoggiati? grazie!

    RispondiElimina
  8. Zonzolando...ed il ripieno è facilissimo!!
    Franci&vale...il ripieno è a piacere, sicuramente un formaggio fresco rende tutto più leggero
    Unazebraapois...è simile allo stracchino ma è più dolce e bianco, si riesce a tagliare...a temperatura ambiente si "molla" un pò...mmmche voglia
    Francescabianca...sopra è pistacchio grattuggiato (giusto x decorare) i bignè sono appoggiati su dei dischetti di madreperla..

    RispondiElimina
  9. che invitanti i tuoi bigné! :P

    RispondiElimina
  10. Gio...grazie. Sono finiti subito che mi tocca rifarli al piú presto:))

    RispondiElimina
  11. li finirei in un attimo, che buoni e che sfiziosi!
    ciao :-)

    RispondiElimina
  12. Un grande classico nella cucina di casa di mia mamma (ma allora non si chiamava finger food) e conseguentemente di casa mia.
    Bella l'idea di rinnovare i sapori del ripieno
    Grazie
    PS: stasera "imbarattolo" le tue scorze, ma quanto sono buone? sei grande

    RispondiElimina
  13. Acquolina...infatti li ho finiti in un attimo:))
    Fabiola...quando inserisci le scorze nei vasetti spingile bene...e poi versa lo sciroppo. Alla fine aggiungi un cucchiaino di glucosio x ogni barattolo (o mescoli del glucosio allo sciroppo, prima di versarlo)...poi sterilizza se vuoi mantenerle anche mesi!!

    RispondiElimina
  14. Ti fai i miei complimenti per il blog e per le meravigliose ricette! Sei bravissima!!! ciao

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design