Faraona in vasocottura

Faraona in vasocottura
Sfogliando il libro VASOCOTTURA di Cristian Mometti gli spunti per replicare non mancano di certo.
Anche Sandra ne ha parlato ieri qui.
Giá qualche anno fa avevo preparato i pomodorini in olio cottura ma nel vasetto ci finivano dopo, altra cottura in vaso é stata il tonno di coniglio e il tonno di pollo ma sia il coniglio che il pollo erano stati cotti prima prima di ri-cuocerli nei vasetti. Questa volta invece ho seguito i consigli di Cristian (sempre disponibile a risolvere eventuali dubbi)  e le carni le ho utilizzate crude, lasciando che la cottura avvenisse interamente nel vetro.
Ho solo rosolato le cosce...ma quelle sono finite in forno.
FARAONA IN VASOCOTTURA
1/2 faraona 
olio extravergine di oliva
salvia
rosmarino
aglio
pepe
sale
vino bianco

Eliminare la pelle e il graso e tagliare a fettine sottili la carne della faraona. Sistemare i filetti all'interno di vasetti in vetro adatti al sottovuoto, aggiungere gli aromi, sale, pepe e versare l'olio precedentemente scaldato a 65°, sigillare e sistemare i vasi in una ciotola contenente dell'acqua (3 dita) e cuocere in forno a 80/100° per mezz'ora abbondante.
Rosolare le cosce della faraona in una padella antiaderente, irrorare di vino bianco, aggiustare di sale e pepe e terminare la cottura in forno a 180°.
Sistemare su ogni piatto un vasetto, una coscia di faraona e verdure a piacere.
Faraona in vasocottura

You Might Also Like

15 commenti

  1. queste cotture m'intrigano...

    RispondiElimina
  2. aspetta...ecco cosa mi ricorda!!!!
    io amo la pentola a pressione e in fondo non è poi così differente!
    spesso cucino con dei contenitori e le pietanza si "auto cucinano" nel solo condimento che inserisco!e poi le servo così,sicuramente meno scenografico,ma lo stile è quello.
    praticamente è una tecnica che già utilizzo,ma senza il forno!
    ^_^

    RispondiElimina
  3. di grande effetto eppure semplicissima e veloce
    è sempre un piacere aprire il tuo blog la mattina, le foto parlano da sole
    Buona giornata
    Cris

    RispondiElimina
  4. ..non avevo mai sentito parlare di questo tipo di cottura.. molto stuzzicante, a patto di riuscire a trovare una faraona!... ma oggi non tornerò a mani vuote: al massimo declinerò con un polletto ruspante;)) Domandina:posso usare dei comuni vasetti di yogurt sigillati con alluminio o pellicola oppure dei vasetti tipo marmellata con capsula?
    sei veramente appassionante!!
    (si può dire? ;)))

    PS. ho fatto la Namelcka, in bicchierini però! molto molto buona.
    Buona giornata,
    sabrina da Roma

    RispondiElimina
  5. guarda un po' cosa tiri fuori con 4 cose in croce
    Compro la faraona e cannibalizzo completamente la ricetta
    grazie

    RispondiElimina
  6. Alex..ma quante ne sai??!!...bellissima cottura e presentazione..come sempre..baci, Flavia

    RispondiElimina
  7. ben tornata!! :))
    scusa ma un vasetto di vetro, in genere, regge la cottura? io ho sempre paura che si rompa?? Bella la ricetta :)

    RispondiElimina
  8. interessante, mi piacerebbe approfondire queste cotture :-D

    RispondiElimina
  9. bellissima presentazione,complimenti :)

    RispondiElimina
  10. Luby...piacciono anche a me le cotture alternative!!
    Luby...non uso la pentola a pressione, con questi vasetti si forma il sottovuoto e non cuoci mai ad alte temperature, poi trovo carino servire a tavola per ogni persona un vasetto
    Cris... Sei molto ma molto gentile

    RispondiElimina
  11. E' da un pò che vorrei cuocere qualcosa nei vasetti, forse questa é la volta buona...
    Complimenti per il blog e le foto.
    Ciao Liz

    RispondiElimina
  12. Sabrina...credo di si, chiudili bene peró. Buona la namelaka vero?
    Fabiola...la carne resta tenera e profumatissima....buona!!
    Elisa...grazie, é una cosa davvero semplicissima!!
    Caris...regge,regge....a 100° non succede nulla, anzi le temperature possono essere anche piú alte come quando sterilizzi i vasetti di sughi e/o marmellate
    Acquolina...sto sperimentando anch'io, i risultati mi piacciono molto
    Liz...grazie....é di cominciare allora?

    RispondiElimina
  13. anche a me interessano questi tipi di cottura. volevo chiedere se le ricette del libro si possono realizzare in una cucina non professionale o se serve l'ausilio di forno a vapore, macchina sottovuoto o quant'altro.

    RispondiElimina
  14. Ciao Alex, piacere di conoscerti ... sono capitata qui cercando qualche ricetta che utilizza la tecnica della vasocottura e non potevo non scriverti :) una delle prossime sera andrò a cena al ristorante di Cristian Mometti di Valdobbiadene ... non vedo l'ora!! :D
    Il mio cruccio sta nel coperchio dei vasetti, devo usare dei coperchi particolari? Ho paura che nel forno la guarnizione fonda.

    Complimenti per il blog, mi sono unita con piacere!
    Valentina

    RispondiElimina
  15. Basilik...con attrezzatura professionale per noi a casa sarebbe un sogno, ma riesco ad arrangiarmi bene lo stesso:)
    Valentina...la guarnizione non fonde perchße le temperature non sono troppo alte...

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design