la 5 frolle (parziale)

Confettura di mirtilli rossi e la 5 frolle
Tra le varie metologie di trattare la frolla (pubblicheró in seguito un post piú completo sull'argomento FROLLA, sto ancora raccogliendo dati e sperimentando prove e controprove), finalmente mi sono decisa a provare questa in versione frolla-ovis.
Solo leggendola da MarieClaire nel suo blog mi aveva incuriosito (specie per la temperatura del burro) e finalmente ho potuto  provarla eseguita dall'autore in versione bianca e al cioccolato. Divine.
Croccantezza e scioglievolezza in bocca. Profumo di burro e grano.
Dopo 15 giorni, semplicemente sistemate in un'alzatina con una coppa a coperchio questi dischetti si sono rivelati ancora piú buoni.
ecco la ricetta:
240 gr. burro a 25°
90 gr. zucchero a velo
15 gr. tuorlo sodo
252 gr. farina Petra 5 
51 gr. fecola
7 gr. cannella
4 gr. buccia di limone

Portare il burro a 25° ed impastare in planetaria burro, zucchero a velo e tuorlo sbriciolato finemente.
Setacciare insieme la farina, la fecola e la cannella e aggiungere al primo impasto. Completare versando tutti gli altri ingredienti, sino ad ottenre un impasto omogeneo.
Far raffreddare in frigorifero almeno 6 ore. Stendere molto sottile e coppare con dei dischetti d'acciaio.
Cuocere in forno a 155/160° per 20 minuti.
P.s.
La farina Petra 5  del Molino Quaglia rivela delle caratteristiche particolari in fase di utilizzo: perfetta lavorabilitá e particolare non trascurabile la perfetta stabilitá del prodotto. Non si deforma in cottura, la presentazione dei prodotti realizzati risulta sempre accurata e precisa:bordi netti, perfezione al taglio. Al momento della degustazione questa farina regala un sapore pieno, un avvolgente sapore di grano, la frolla si esalta e si  evolve dal ruolo troppo consueto di "contenitore" (creme, marmellate ecc.). Ecco perché una frolla cosí realizzata, degustata in purezza si puó definire un dolce a sé.
 La ricetta completa denominata "5 frolle" (5 x la farina Petra 5 utilizzata e per il numero degli strati)  prevede altri passaggi : ogni disco va pennellato di burro di cacao, spalmato di confettura di albicocche e la superficie finale conta di uno streußel e pistacchi spezzettati.  Come primo tentativo ho consumato la frolla in purezza aggiungendo solo qualche cucchiaino di confettura di mirtilli rossi. Come biscotti non sfigurano per niente.

You Might Also Like

11 commenti

  1. E' proprio vero che nell'attenzione ai dettagli sta la differenza fra le cose, soprattutto le più semplici e quotidiane.
    Tutti sanno fare la frolla, ma nella tua descrizione e preparazione c'è una scelta così misurata( ed evidentemente sperimentata) che certamente fa la differenza...mi incuriosisce molto...burro a 25°...ok!

    Un abbraccio,Fabi

    RispondiElimina
  2. frolla da provare e rigorosamente coi mirtilli di cui la mia scorta abbonda:-)

    RispondiElimina
  3. Caspita, ogni cosa che fai è il risultato di studio e sperimentazione, quindi una garanzia. Penso che proverò a fare la frolla in questo modo...Solo una cosa (e scusa l'ignoranza): dove si trova la farina Petra5? Se non a disposizione, secondo te si può sostituire con un'altra farina? Grazie infinite, i tuoi post sono sempre una scoperta, per non parlare delle foto ...!!! Ciao Sara

    RispondiElimina
  4. Una delizia per gli occhi e per il palato, e la solita, meravigliosa, attenzione per i particolari:
    in una parola, Alex!

    ^^

    Bravissima...! :)

    Un bacione grande,
    Babi

    RispondiElimina
  5. la friabilita' si vede eccome.. ma questa farina ?? dove si trova??
    ed uan frolla cosi per cosa e' ideale??
    Alessandra

    RispondiElimina
  6. Fabiana...é da provare davvero:buonissima!!
    Caty...piacciono molto anche a me le confetture di mirtilli (e frutti di bosco in genere) proprio per quella punta di aciditá che con la frolla cade a pennello
    Angie...grazie!!
    Sara...la farina si trova solo al Mulino Quaglia, o presso qualche distributore. In sostituzione puoi usare una farina non troppo raffinata
    Barbara...sei troppo gentile!!
    Alessá...la farina si trova al Molino Quaglia (o da un distributore, vendono anche on line)é buona da gustare cosí come biscotto, oppure come mini crostatine (cuocere in bianco e poi riempire, non cuocere la confettura insieme alla frolla)

    RispondiElimina
  7. Grazie Alex provero'...
    mi piace la frolla con sopra una sporcata di marmellata molto fine.. molto british ;0))
    Alessa'

    RispondiElimina
  8. Interessantissima ricetta anche per l'utilizzo della farina Petra 5 che sicuramente conferisce alle frolle un particolare sapore, essendo macinata a pietra (io ho usato la Petra 3 per la pizza). Aspetto con ansia le altre "sperimentazioni" sulla frolla, bravissima! :-)

    RispondiElimina
  9. beh allora sono da provare! :)
    assolutamente!

    RispondiElimina
  10. Alessá...oggi ne cotta ancora....troppo buona!!
    Fellcook... la petra 3 mi manca!! sto usando da qualche mese le altre Petra (1-5 e 9) e per frolle, torte secche, biscotti trovo la petra 5 davvero buona, anche miscelata con le altre. Per il pane la Petra 1 é super...
    Gió...eh si!!

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design