Crème brulée al cioccolato

IMG_5180
Credo di non aver mai mangiato cosí tante crème brulée come quest'estate in Costa Azzurra. 
A parte quelle ordinate dopo qualche pasto veloce nei tantissimi bistrot sparsi per la costa...ma anche quelle mangiate a casa. No, non preparate da me...ma quelle pronte (orrore!!) semplicemente da rifinire in forno per dare la giusta croccantezza alla superficie. 
Perché tutto cio?...perché in Francia vendono la crema pronta in contenitori di vetro, che possono venir usati e riusati (niente sprechi o plastiche da buttare) L'occhio del marito tra lo stupito e lo schifato, ha poi virato verso il sorridente  (e non solo per il risparmio economico....ma proprio risollevato dopo giorni di scorazzamenti nei vari negozi-bazar-empori con le gambe a pezzi e le finanze a rotoli....) finalmente, anche pranzando a casa, un piccolo dessert (anche se la cucina era attrezzata di tutto punto...di dolci non ne ho preparato nemmeno uno).
Ecco che dopo qualche tempo, le mitiche coppette di vetro del supermercato hanno ripreso vita....contenendo questa volta un'altra crema...al cioccolato e di Pierre Hermé...che goduria!!!

P.s. piccola mia variante: una parte della crema l'ho servita nelle mezze pere cotte nel vino bianco.
Crème brulée al cioccolato

Ecco la ricetta x 4 coppette:

CRÈME BRULÉE AL CIOCCOLATO (Pierre Hermé)
120 gr. di cioccolato fondente (63% Vahlrona)
25 gr. di latte intero
25 cl di panna liquida
90 gr. di zucchero
4 tuorli
4 cucchiai di zucchero di canna

Con le fruste elettriche montare zucchero e tuorli fino ad ottenere una crema  chiara e  soda. Portare a bollore latte e panna, togliere dal fuoco ed aggiungere il cioccolato tagliato a pezzetti (oppure usare le pastiglie giá pronte) mescolare bene. Versare sul composto uova-zucchero ed con una spatola amalgamare bene per ottenere un composto omogeneo.
Suddividere il composto in 4 coppette e cuocere in forno un'ora a 100°.
Lasciare raffreddare e riporre in frigorifero. (Hermé consiglia di preparare le creme il giorno prima di consumarle)
Ritirare le creme dal frigorifero, coprire la superficie con lo zucchero di canna e sistemare le coppette sotto il grill del forno fino alla caramellizazione dello zucchero (oppure se l'avete usate un cannello)

You Might Also Like

22 commenti

  1. Alex, già solo l'idea del piattino disegnato è deliziosa, figurarsi il resto!
    Io non amando molto il cioccolato amo la crème brulée classica, e puta caso ho anche i contenitori di vetro, acquistati qualche mese fa in Svizzera nel negozietto caccavellico di ordinanza... A questo punto urge riempirle direi!
    Non è che hai una ricetta di crème classica da girarmi per caso? :D

    RispondiElimina
  2. La crem brulè è una cosa fantastica!!!!

    Complimenti questa è speciale!!!

    baci

    RispondiElimina
  3. applauso applauso: ma che idea fantastica il disegno!!!!

    RispondiElimina
  4. A cioccolato non l'avevo ancora fatta, deve essere divina, no?

    ciao

    RispondiElimina
  5. Tu sei sempre originale Alex, il piattino con tanto di cucchiaino disegnato sulla lavagna è geniale, e poi la crème brulée al cioccolato...senti ma un 70% andrebbe bene lo stesso?

    RispondiElimina
  6. Anche io nella mia vacanza francese non mi sono mai fatta mancare la creme brulèe, che amo alla follia! Questa poi è al cioccolato e pure di Pierre Hermè, accoppiata vincente! La proverò, anche perchè sono incuriosita dalla cottura in forno non a bagnomaria. Buona giornata

    RispondiElimina
  7. Splendide!!! Capisco bene che si dovrebbe lasciarle in frigo per un giorno?

    Una richiesta: mi troveresti una ricetta di qualche Plunderstücken, ma non dolcissimi, anzi con una puntina di salato? A me il dolce-dolce non piace, ma un biscottino tornando dal lavoro.....

    RispondiElimina
  8. Alex..grazie per questa splendida ricetta....quasi quasi prossimamnete la faccio..e la variante con le pere è divina!!!

    RispondiElimina
  9. Buona questa cremina di solito faccio quella gialla normale ... però per cambiare ottima idea a presto

    RispondiElimina
  10. io adoro la creme brulee, ma non l'ho mai preparata. Non ho il cannello, mi sembrava mancasse l'elemento fondamentale. Ma anche io mi sono lasciata tentare da quelle pronte (le ho trovate anche qui dove abito) proprio per via di quei contenitori meravigliosi, che per ora sono solo serviti per monoporzioni di zuppa inglese.... Ma questa al cioccolato..... potrei provare con il grill!! Ciaociao

    RispondiElimina
  11. divina! poi con quel tocco chic nella pera...
    la presentazione con il piatto disegnato è davvero simpatica, complimenti!!

    RispondiElimina
  12. Nunca he hecho crème brulée, viendo tu receta seguro que me animo porque tiene que estar riquisima!.

    Un saludo
    Chelo

    RispondiElimina
  13. deliziosa e molto personalizzata, qui si richiede la prova assaggio :P

    RispondiElimina
  14. MItiche! Ma sai che le preparazioni di quella marca francese le vendono anche alla Slunga? E infatti mi sono sciroppata una orribile mousse al cioccolato (di una pesantezza immane) solo per guadagnarmi i mitici barattolini...

    RispondiElimina
  15. Che buona la creme brule! Io di solito ci faccio una crostata che è la fine del mondo! ma la versione al cioccolato non l'ho mai provata...voglio prorpio farla! Un bacione

    RispondiElimina
  16. Ciao alex, questo è uno dei miei dolci preferiti, anche se quando preparo creme simili vengo sempre attanagliata da due dubbi : non so mai se sia meglio montare i tuorli e la cottura non so mai se farla a bagnomaria. Forse mi hai risolto due amletici dubbi in un colpo solo !!! E mi vergogno un pò a dirlo .. ma a me è capitato più di una volta di prendere un prodotto solo per poi avere il bellissimo ciotolino in cui è venduto !! E' imbarazzante .. e mio marito non ha mai capito ... Manu

    RispondiElimina
  17. Sarah...te ne cerco una di valida e te la giro!!
    Francesca...grazie
    HysteriaLane...avevo tutti i piatti sporchi:((
    Maia...buona..il cioccolato lo adoro
    Ady...va bene anche al 70%...avrai un gusto piú deciso.
    Gloria...a me é piaciuta molto..e poi non é molto grassa
    Marta...posso dire che nelle pere mi é piaciuta ancora di piú?
    Elisa...é uno di quei dolci facile e di sicura soddisfazione. Provala ti piacerá sicuramente
    Corrado...si, meglio lasciar riposare le creme. Il giorno dopo le "bruci"
    Nell'impasto dei Plunderstücken c'é poco zucchero (1-2 cucchiai per 500 gr. di farina) é il ripieno a determinare la dolcezza piú o meno marcata. In ogni caso é simile ad una brioche.Puoi anche farcirla con qualcosa di salato (a volte sono a forma di chiocciola Schnecken...o cornetto Hörnchen)
    Elisa80...anch'io di solito preparo quella classica, ma é ottima anche al cioccolato
    Lucia...con il grill viene bene ugualmente!!

    RispondiElimina
  18. Alice...grazie
    Chela...feliz que mirando esta receta, hai buscado animo a replicar.Gracias..
    Mirtilla...passa di qua, te ne lascio una coppetta
    Virginia...mi caleró a Verona (é Slunga piú vicina) cosí completeró la serie
    Claudia...ottima l'idea della crostata...da provare
    Manu...per fortuna ho un marito che capisce e apprezza (anche se di barattoli e coppette varie, davvero non ne puó piú)

    RispondiElimina
  19. Sono rimasta folgorata dall'idea di cucchiaino e piattino disegnati sulla lavagna! Poi, leggendo la ricetta, la mia ammirazione è passata a questa crème: deliziosa, cioccolatosa, con la sua superficie croccante... ricetta bellissima, complimenti!
    Se ti va passa a trovarmi, mi farebbe molto piacere!
    Baci
    Agnese

    RispondiElimina
  20. strepitosa Alex!! Deve essere una vera delizia :)
    P.s. ma che ne dici, capodanno in Costa, magari in un bel ristorantino??
    :P

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design