Risotto con carletti (a caccia d'erbe selvatiche)

Risotto con carletti
E dalla raccolta dei fiori sono passata a quella delle erbe selvatiche.
Tra aprile e maggio le campagne venete sono letteralmente "invase" da una serie di piantine mangerecce e buonissime. Per fortuna riesco a riconoscerle quando mi inoltro tra sentieri e stradine vicino a casa mia, grazie anche a ricordi d'infanzia quando con la mia mamma si andava a "caccia" di qualcosa di buono a costo zero e a Km sottozero (bastano davvero poche centinaia di metri).
Non saprei stilare un elenco di preferenze, direi che mi piacciono tutte:
bruscandoli-ortiche-tarassaco-rosoline-carletti sono tutti ottimi per fare risotti, frittate, mini lasagne, tortine salate, quiche, come ripieno per dei ravioli e con la fantasia oserei dire che non c'é limite al loro utilizzo. Tempo fa avevo postato un risotto con ortiche e un risotto con bruscandoli
e non poteva mancare questo con i carletti (forse un filino sopra alle preferenze).

Carletti

RISOTTO CON CARLETTI (Silene)
x 4 persone
360 gr. riso vialone nano
1 mazzetto di carletti
olio extravergine d'oliva
aglio
parmigiano reggiano
burro
sale, pepe

Sbollentare i carletti un paio di minuti in acqua salata (che verrá utilizzata come brodo di cottura del riso) e cuocerli brevemente in una padella con un filo d'olio e l'aglio tagliato a fettine. Aggiungere il riso e continuare la cottura aggiungendo l'acqua di cottura dei carletti in due/tre volte mescolando ogni tanto. Terminare la cottura al dente (18 minuti) aggiustando di sale e pepe. A fuoco spento mantecare il risotto con una noce di burro e un paio di cucchiai di parmigiano reggiano.

Risotto con carletti

You Might Also Like

15 commenti

  1. mai visti, mai mangiati...ora la curiosità dilaga!!!!

    RispondiElimina
  2. Beh, ortiche e tarassaco ancora ci sono nel giardino. Ora cerco carletti e bruscandoli. Il risottino mi ispira tantissimo!
    Adesso aspetto qualche idea con la menta (che sta invadendo la mia aiuola delle aromatiche).Ciao e grazie!

    RispondiElimina
  3. Ti accompagnerei volentieri nelle tue raccolte che danno risultati cosi' seducenti ;-)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Ma allora sei anche tu della mia zona (Venezia) se li chiami carletti :)
    deliziosi....io li ho usati in frittata http://crumpetsandco.wordpress.com/2010/05/01/frittata-di-carletti-al-forno/
    e in torta salata con bruscandoli e rosoline
    http://crumpetsandco.wordpress.com/2010/04/20/torta-salata-con-erbette-di-campo-e-brie/

    il risotto dev'esser gustosissimo!:)

    RispondiElimina
  5. Ma dai... non sapevo che fossero commestibili!!!
    Tu hai usato solo il fiore, o anche parte del gambo?

    Della serie: tutti i giorni si impara qualcosa...

    RispondiElimina
  6. se non sbaglio qua da noi sio chiamano strigoli. Mia mamma è una "cacciatrice" folle di queste erbette che di solito usa per il ripieno di ravioli e cannelloni, col risotto dobbiamo provare!
    CIAO!

    RispondiElimina
  7. Luby...credo si trovino un pó ovunque in campagna, vicino ai fossati...sono buonissimi!!
    Lucia...la menta invade anche il mio giardino, a parte nei cocktail, bibite estive e con la frutta, la uso molto anche sul salato (ravioli, polpettine, pesto...in abbinamento ad altri ingredienti, in purezza é molto forte)
    Edda...ora il tempo frena tutta questa "caccia al tesoro", mi sa che un pó troveró dei funghi!!
    Terry...si abito vicino a Venezia ma in campagna, comodo no? con le erbe spontanee basta davvero un pó di fantasia..
    Corrado...uso anche tutto il gambo (é molto tenero) a differenza dei bruscandoli che invece é specie nella parte finale piú duretto..
    Furfecchia...strigoli? in Friuli si chiamano cosí vero?

    RispondiElimina
  8. Deve essere bello poter andare in giro per la campagna a raccogliere le erbe selvatiche ma il mio problema sarebbe riconoscerli... non sono molto brava in questo e ho paura di prendere "aglio per oglio" comunque credo che questo risottino sia veramente delizioso!

    RispondiElimina
  9. Non ci sarebbero mica stati male con il risotto che ho fatto oggi! W i carletti!
    Buon week end!

    Nadia - ALTE FORCHETTE -

    RispondiElimina
  10. Furfecchia...ah dai...anche in Friuli ho sentito chiamarli così!!
    Cucchiaiodoro...è vero possono venir confuse magari con erbe "velenose"..per fortuna da piccola con mia mamma ho imparato a riconoscerne parecchie...
    Nadia...che risotto hai preparato?

    RispondiElimina
  11. Con questo post hai risposto a un dubbio che avevo su questo prodotto, che mia madre ha sempre chiamato tagliatelle della madonna e che non sapevo quale potesse essere il nome "ufficiale". Anche a casa mia si è spesso fatto usao di queste erbe di campo, vivendo in campagna poi la reperibilità era piuttosto facilitata. Non ho mai usato il tarassaco ed è un peccato visto che ne ho a iosa nel giardino, ora mi documento un po' e vedo di imparare ad usarlo, mentre la frittata con bruscandoli è uno dei miei piatti preferiti. Con questi carletti mia madre ne ha fatto un mix con gli ultimi broccoli fiolari (altra verdura meravigliosa poco conosciuta) e usati nelle lasagne sono risultati strepitosi.

    RispondiElimina
  12. spettacolo! DEVO trovare questa pianta...

    RispondiElimina
  13. Mia madre me lo cucina sempre ed è buonissimo. Non credevo che oltre a lei ci fosse qualche altro appassionato di quest'erba :)

    RispondiElimina
  14. Oggi ho preparato le crespelle con un po'di besciamella e carletti o stridoli. Una delizia...

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design