Gnocchi di patate viola con fonduta di parmigiano, salvia e noci

Sabato mattina, rientrando dall'Austria, mi sono fermata un paio d'ore a Salisburgo, giusto il tempo per poter comperare qualcosa al mercato, sempre coloratissimo e fornitissimo. Un tempo, quando abitavo a Monaco ci andavo più spesso, ed ogni volta trovavo sempre tante "cosette" sfiziose. Sabato ho trovato il rabarbaro (a 2€ al kg...e non i 15 che sparano qui) i fiori edibili...e queste patate che lì chiamano Trüffelkartoffel, proprio perchè ricordano la forma dei tartufi.
Le avevo già provate varie volte, ma una volta rientrata in Italia non le ho più viste. Non che siano qualcosa di trascendentale...però a parte il piacevole colore, sono molto asciutte dopo cotte, e quindi le trovo ideali per confezionare gli gnocchi.
Questi non sono altro che dei classici gnocchi di patate, da condire a piacere.
Io ho fatto così:
GNOCCHI DI PATATE VIOLA con FONDUTA DI PARMIGIANO, SALVIA E NOCI
300 gr. di patate
120/130 gr. di farina
1 cucchiaio di parmigiano
Bollire le patate con la pelle. Scolarle, pelarle e passarle allo schiacciapatate. Aggiungere la farina e il parmigiano e impastare bene. Formare dei rotolini che andranno tagliati a tronchetti.
Sistemarli su di un piano in legno infarinato (ho trovato a Modena dei vassoi rigati per adagiare la pasta fresca, e uno l'ho usato anche per questi gnocchi)
X condire
100 gr. di parmigiano
1 cucchiaio di robiola
1 pezzetto di burro
1 cucchiaio di farina
1 bicchiere di latte
4/5 foglie di salvia
gherigli di noce.
sale, pepe
Con il burro, la farina e il latte preparare un roux. Aggiungere alla crema ottenuta il parmigiano, la robiola e regolare di sale e pepe. Mescolare bene fino ad ottenere una crema vellutata. Alla fine aggiungere la salvia tritata sottilmente.
Sistemare a specchio sui piatti la fonduta ancora calda. Cuocere gli gnocchi in acqua salata, e una volta a galla, ritirarli con una schiumarola. Adagiarli sui piatti e completare con le noci tritate e altra salvia tagliata a julienne.

You Might Also Like

28 commenti

  1. EH,NO, cara Alex, questo non e' leale! Ho appena finito malinconicamente di mangiare (dieta quasi-zero-grassi) e arrivi tu con questo sogno. Solo immaginare i sapori mi avra' alzato i trigliceridi. Ma continua cosi'...:) :)

    RispondiElimina
  2. bella da vedere e da mangiare, mai viste da queste parti!

    RispondiElimina
  3. Beh ma ke meraviglia questi gnocchi viola!!! siamo rimaste incantate quando abbiamo scoperto il tuo blog! complimenti!

    RispondiElimina
  4. Moooolto fashion!!!
    Io l'ultima volta le ho mangiate (in versione dolce) da Leemann...chissà che ci sia un buon spacciatorino anche qui a Milano...
    In compenso ho appena terminato delle patate di provenienza germanica e dalla buccia scura davvero eccellenti. Asciuttissime e molto saporite!

    RispondiElimina
  5. Virginia, sapevo che alla Metro si trovavano, senti se qualcuno che puo' entrarci ti ci guarda.
    Ciao

    RispondiElimina
  6. Virginia... le patate tedesche sono davvero perfette.Ogni volta che vado me ne torno a casa con un sacco...( o varietà Spunta o Monna Lisa)..lì ne hanno catalogate 101 tipi!! Pensa che a Monaco al mercato c'é un banco con tutte le varietà... maniaci!!!

    RispondiElimina
  7. molto particolari,e danno anche un bell'effetto cromatico nel piatto ;)

    RispondiElimina
  8. che lusso gli gnocchi viola, è un colore stupendo!

    RispondiElimina
  9. Corrado, grazie! Manderò le mie truppe in avanscoperta!

    Alex, ormai sono ufficialmente convertita!!

    RispondiElimina
  10. sto cercando queste maledettissime patate da mesi... neppure al mercato delle primizie hanno fatto capolino! che meraviglia... le troverò, ahhhh se le troverò!

    RispondiElimina
  11. cosa dire... sono di una bellezza strabiliante!

    RispondiElimina
  12. Questi gnocchi viola sono favolosi!
    Non sapevo che in Germania esistessero così tante varietà di patate ...

    RispondiElimina
  13. gli gnocchi sono uno dei miei piatti preferiti ma questi sono davvero inconsueti e troppo belli da vedere ( mi ricordano le caramelle alle more )!!

    RispondiElimina
  14. Mirtilla...si, il colore mi è davvero piaciuto molto
    Lise Charmel...un piccolo lusso da un prodotto povero
    Sere..buona caccia!!!
    Lenny...sono proprio degli specialisti, ogni tipo ha un suo uso specifico e davvero non si sbaglia mai a fare qualcosa, siano gnocchi, purè o patate arrosto...
    Sara...grazie...erano anche buoni, e questo credo sia molto importante..
    Caty...è vero sembrano caramelle o lavanda!!!

    RispondiElimina
  15. Strepitosi!!! un colore lilla che invita all'assaggio :-) Complimenti, sei maestra di pasta fresca!

    RispondiElimina
  16. che spettacolo questi gnocchi! Saranno sicuramente buonissimi, ma soprattutto bellissimi da presentare.
    Complimenti!

    RispondiElimina
  17. eh ma che bella cosa......... come sono stimolate le mie papille gustative! cara alez, mi sa che ti supplicherò di invitarmi a pranzo :-)
    bellissime foto
    brava
    babs

    RispondiElimina
  18. Two stella... grazie davvero.
    La golosastra...non pensavo potessero piacere così tanto...però davvero il colore violetto aiuta molto nella presentazione!!!
    Babs...sei sempre gentile, grazie

    RispondiElimina
  19. ciao Alex..ho letto ora il tuo commento sul mio blog relativo ai bruscandoli.
    ti ho risposto che forse è un fatto di luci...però mi hai messo curiosità..son venuta a rivedere il tuo risotto effettivamente sembrano verdi brillante..ora controllo se c'è qualcosa di diverso nella procedura e poi comunque provo a chiedere a mia mamma..che sicuramente se ne intende più di me.
    ciao.

    RispondiElimina
  20. Michela... a volte li trovo anch'io con il gambo un pò scuretto, diciamo quasi marrone....gli ultimi trovati qui in giardino sono molto verdi... (siamo anche circondati da fossati...accidenti non manca niente qui...oltre alla foresta di bambù, le cornacchie...e gli istrici....a volte mi sembra di vivere nel bioparco di Abatantuono...ah sai che la via dove abito è via Olmo e che l'ultimo olmo è nel mio giardino? cavoli mi sento tanto "conservatrice" della specie), io elimino un pezzo di gambo(che uso per le frittatine) forse è per questo che le punte mi restano più verdi...

    RispondiElimina
  21. DAI ALEX, STIAMO TUTTI ASPETTANDO LA PROSSIMA RICETTA ! ! !

    RispondiElimina
  22. @Alex:beh effettivamente se sei proprio con l'ultimo olmo!
    Non puoi proprio tagliarlo.
    ;)
    Anche mia mamma sai ha di tutto su quel campo..io non lo chiamo giardino perchè è un insulto ai giardini..
    In effetti io ho chiesto anche a lei ma che sappiamo noi i bruscandoli son quelli..certo volevo chiederti come sono da crudi perchè non è che quelli che troviamo noi son verdi brillanti..i ns son sul verde scuro mentre il gambetto sul rosso marrone..ho pensato fossero transgenici se i tuoi son così brillanti.
    Ho visto su la cucina di calicanthus che loro hanno i germogli..ecco io quelli non li prendo nemmeno aspetto che si formino un po'..ma suppongo siano più delicati quelli, rispetto a quelli che trovo io.

    RispondiElimina
  23. complimenti per i gnocchi, cosi viola, spno un ottima alternativa, è molto bella salisburgo

    RispondiElimina
  24. Günther...eh si, Salisburgo mi piace proprio...e il mercatino è un bijoux...

    RispondiElimina
  25. Incredibile... è la prima volta che vedo gnocchi viola... originali!!! ma hai detto che qui non si trovano queste patate vero??? peccato ma il sapore è diverso, o varia solo la consistenza??? io adoro gli gnocchi quindi li proverò sicuramente anche se il colore dona quel qualcosa in più
    Ciao Elisa80

    RispondiElimina
  26. Elisa80...il gusto è proprio di patata...sono asciutte e saporite....hanno stupito anche me

    RispondiElimina
  27. ehhh ma questo è un blog da chiccherie!mamma che bei piatti ! com'è che non ti avev o ancora scovata??:DDD
    se ti va vieni a trovarmi e as coprire il mio nuovo ocntest..mi sache ti piacerebbe!!ciao!!(io intanto ti aggiungo , sai mai che ti riperdo!)

    RispondiElimina
  28. io le ho piantate e me ne sono venute su molte
    se le volete scrivetemi a
    dpercesepe@libero.it

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design