Cartoline da Trieste


CARTOLINE DA TRIESTE 

Un primo flash su Piazza Unità d'Italia. 
La luce che inonda questa piazza è unica, non vi è momento dell'anno che qui  non si venga avvolti da una chiarezza che sorprende. 
Vado a Trieste in genere una volta al mese, non so se possa considerarsi fortuna, ma sempre dico sempre mi accoglie un cielo blu e un mare da buttarmici dentro:)



E sostarvi é quasi un obbligo: il Caffé degli Specchi saprà accogliervi sia nei tavolini all'aperto che nella sala interna. E' il locale simbolo di questa città ricca di caffé letterari e storici, aperto nel 1839 conserva quell'atmosfera asburgica fin-de-siècle, dove ancora oggi ci si rilassa leggendo il giornale in un luogo che pare quasi sospeso nel tempo.
Qui si incontravano Joyce e Svevo magari davanti ad un caldissimo "nero".





La capitale del caffé riserva altre chicche, come l'Antico Caffé San Marco aperto del 1914, un trionfo di marmi e stucchi e pitture di Vito Trimmel. Un tempo qui venivano falsificati i passaporti per gli esuli austriaci che volevano trasferirsi in Italia (motivo per cui fu distrutto nel 1915 dall'esercito asburgico). Rinato dalle proprie ceneri, è stato più volte ricostruito e riaperto.
Oggi è un caffé letterario a tutto tondo: una vera libreria  ne ripercorre le sale, e qui vi si tengono alcuni premi letterari. Da Tomizza a Magris il circolo degli intellettuali è passato da qui.




Come ordinare un caffé a Trieste (ma solo a Trieste)
Nessuno ordina un caffé al bar, solo i "foresti", e non si ordina neanche un cappuccino o un macchiato.
NERO = il classico espresso in tazzina (pronunciare con e molto aperta)
NERO IN B = l'espresso nel bicchierino di vetro
CAPO = il macchiato
CAPO IN B = il macchiato nel bicchierino di vetro
GOCCIA = l'espresso con appena una goccia di latte
CAPO DECA = l'espresso macchiato decaffeinato in tazzina
CAPO DECA IN B = l'espresso macchiato decaffeinato nel bicchierino di vetro
CAFELATE = il cappuccino




Ma non solo caffè:)



La cucina tipica si può trovare nei tantissimi locali del centro, sempre molto frequentati
Da Piazza della Borsa si imbocca via della Cassa di Risparmio: una serie di locali sapranno soddisfare i morsi della fame. Continuando ancora attraversando il Passaggio Joyce si arriva in via Gioacchino Rossini dove pranzare all'aperto sulle terrazze poste sotto la riva è un vero piacere.

 









You Might Also Like

8 commenti

  1. Che carina la mini guida su come ordinare il caffè a Trieste!
    Baci
    Martina
    http://www.pinkbubbles.it

    RispondiElimina
  2. Dovrei visitare Trieste il mese prossimo, terrò conto dei tuoi preziosi consigli! 😊😘

    RispondiElimina
  3. Non sono mai stata a Trieste, la mini guida sul caffè è fantastica :)

    RispondiElimina
  4. Molto apprezzata la lista con le definizioni dei caffè. Una cultura da conservare e difendere.

    RispondiElimina
  5. Sarò presto a Trieste, una parente si trova li per studiare e grazie al tuo articolo potrò sfoggiare la guida per ordinare il caffè ! Grazie per la preziosa info, trovo sempre tante cosine interessanti nel tuo blog!

    RispondiElimina
  6. Ci sono stata solo di passaggio e guardando questo post ci devo ritornare con più cAlma !!!!

    RispondiElimina
  7. Sono stata a Trieste qualche anno fa e ricordo ancora il cielo terso e bellissimo, ma come tutti i ‘foresti’ ignoravo la nomenclatura dei caffè ��

    RispondiElimina
  8. Ho trovato molto interessante il modo in cui identificano il tipo di caffè al bar! Non si smette mai di imparare

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design