Calle con pesce spada, peperoni, olive e polvere di capperi. W la stagionalitá!

Calle Pastificio dei Campi con pesce spada, peperoni,olive e polvere di capperi

Mi pare talmente elementare a volte, no no anzi spesso, riuscire in un paese come il nostro, preparare un piatto, una cena, una merenda, un dolce, senza dover ricorrere a preparazioni giá cotte e imbustate, a semilavorati e ad ingredienti fuori stagione.
Il vantaggio di vivere a queste latitudini  ci regala una varietá ed una qualitá di prodotti forse introvabile altrove, da permetterci di portare in tavola ogni giorno un piatto diverso dall'altro stagione dopo stagione. Senza dilungarmi su etica, bio, KM 0 ecc... ognuno di noi puó in base alle sue possibilitá (tempo, conoscenza, cultura ed economia) alimentarsi in modo sano, gustoso e gioioso. Sapori intensi e colori straordinari richiedono poca fatica: si puó mangiare tutto crudo, appena scottato, energicamente saltato in padella, pazientemente e lungamente cotto e sorvegliato, abbinato, condito e aromatizzato o gustato in purezza. Le possibilitá sono enormi. Ognuno trova la sua dimensione, anche in cucina.

 
Mi fa orrore pensare, come la direzione futura possa essere l'annientamento e/o l'omologazione dei sapori (ricordo ancora verso la fine degli anni '70 inizio '80, durante i miei primi viaggi all'estero per studio, la difficoltá nel trovare prodotti freschi 
-in Inghilterra e Germania in primis- tutto giá precotto e porzionato per un pronto-uso, e sospiravo con sollievo, pensando che questo no, in Italia non sarebbe mai successo). 
Certe "diavolerie" non mi conquistano per niente, eppure la mancanza di tempo, i mille impegni, la fretta, non riescono a scalfire il desiderio di mangiare bene, non solo per "salutismo" ma proprio per il piacere di assaporare, masticare, ingerire e condividere (in due o piú ci si diverte pure), se poi oltre a tutto questo aggiungiamo la passione del cucinare, di sperimentare, di ricercare nuovi sapori o di riscoprire quelli perduti, allora lo stare ai fornelli é ancora piú divertente: sará il nostro palco, la nostra scena teatrale, il nostro set per dare sfogo a fantasia e creativitá. 

Grande giubilo la cottura dei primi peperoni e melanzane, salutati con nostalgia piselli e fave, accolti con onore i primi pomodori, meloni e angurie magici e freschi dessert per serate torride...e l'estate é appena cominciata!!

Si puó preparare una pasta in pochi minuti? Si, dovesse anche languire il frigo o la dispensa: olio extra vergine di oliva, parmigiano, olive, capperi, erbe aromatiche, peperoncino in una cucina italiana non mancano mai. Siamo salvi.

Con qualche ingredienti in piú ho preparato questa: slurp!!

CALLE con PESCE SPADA, PEPERONI, OLIVE e POLVERE DI CAPPERI

x 2 persone
160 gr. di Calle Pastificio dei Campi (in alternativa usare dei Paccheri)
1 fetta di pesce spada fresco
vino bianco
1 spicchio d'aglio
olio extra vergine di oliva
sale, pepe
1 peperone rosso
10/12 olive nere (ho usato quelle di Gaeta, insieme alle Taggiasche si accompagnano bene al pesce)
polvere di capperi

x la polvere di capperi
Sistemare i capperi in una ciotola con dell'acqua e lavarli bene per eliminare il sale. Lasciare i capperi a riposare nell'acqua (da cambiare 2 volte) per alcuni minuti.
Scolarli e asciugarli bene con carta cucina.
Accendere il forno e portarlo a 70/80°. Stendere i capperi su di una placca coperta di carta forno e far seccare lentamente per circa un paio d'ore.
Quando saranno secchi conservali in un vaso chiuso. Al momento di utilizzarli, sbriciolarli con le mani direttamente sulle preparazioni prima di consumarle.

x il peperone
Lavare, pulire e tagliare a striscioline il peperone. In una padella cuocere pochi attimi nell'olio extra vergine di oliva uno spicchio d'aglio schiacciato. Eliminare l'aglio e versare le fettine di peperone. Rigirare bene con un mestolo. Aggiungere qualche cucchiaio di acqua, sale, pepe e continuare a cuocere fino a che il peperone sará morbido (ma non stracotto, deve mantenere una certa corpositá). Frullare un paio di cucchiaiate di peperoni con un goccio d'olio e creare una crema. Tenere da parte.

x il pesce spada
Scottare il pesce spada pochi minuti per lato, in una padella antiaderente. Sfumare con del vino bianco, aggiungere un filo d'olio, sale, pepe. A cottura ultimata versare i filetti di peperone e le olive spezzettate grossolanamente.

Cuocere la pasta al dente. Scolarla ma tenerla un pó umida.  Versarla nella padella e amalgamarla bene agli altri ingredienti. Sistemare la pasta nei piatti e completare con la polvere di capperi e la salsa di peperoni. 


You Might Also Like

11 commenti

  1. Proprio un bel blog quello in cui mi sono imbattuto, il tuo.
    Non solo per la ricetta davvero gustosa e bella l'idea della polvere di capperi, ma anche per il discorso che fai. E' sempre un piacere e soprattutto una fortuna poter avere a disposizione frutta e verdura e non solo di stagione, fresca e di produzione "propria". Dovremmo sfruttare questo vantaggio quando più possiamo :)

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
  2. adoro i primi veloci e mi domando come sia possibile usare i quattro salti in padella per fare un piatto di pasta, quando nello stesso tempo si può preparare qualcosa di fresco, sano e gustoso!
    questo piatto mi piace molto e anche questo insolito formato di pasta :)

    RispondiElimina
  3. wow che bel piattino, questa ricetta è troppo sfiziosa, da provare! buona giornata! :)

    RispondiElimina

  4. Ciao,le tue ricette sono sempre una lezione di cucina,complimenti e grazie per i consigli.Lisa

    RispondiElimina
  5. Quoto Lisa qui sopra. Verissimo.
    Ti lascio però anche un abbraccio forte
    simo

    RispondiElimina
  6. Il guaio è che guardare una cosa simile a quest'ora del mattina mi fa venire una gran fame

    RispondiElimina
  7. Marco...grazie della visita!! è vero, poter disporre di prodotti propri non ha prezzo. Ma se non possiamo contare sull'orto, almeno, acquistiamo da negozianti di fiducia e soprattutto prodotti di stagione; ne guadagna il gusto ma anche il portafogli:))

    RispondiElimina
  8. Valentine...niente di piú bello e buono che preparare un piatto di pasta...le buste pronte le trovo un insulto alla tavola
    Miss Want... grazie:))
    Lisa51...sei troppo gentile!!
    Simo...no dai, non mi sento maestra...ma mi piace spiegare bene il passo passo, non si sa mai...magari a qualcuno piace la ricetta:)
    Mario...una pasta saporita e colorata la mangerei sempre, ad ogni ora del giorno e della notte

    RispondiElimina
  9. Bello e buono, e come dice Marchesi,
    "il bello è anche buono". Brava!

    RispondiElimina
  10. Un connubio di sapori eccezionale!

    RispondiElimina
  11. Bianca Maria... grazie!! la citazione di Marchesi mi emoziona
    Emanuela...sono contenta che ti piaccia, é tanto, tanto estivo questo piatto....lo adoro:))

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design