Tortino di polenta con gruyère e funghi per la Svizzera nel Piatto



Ormai con la mente (e con la pancia) mi sono trasferita completamente in montagna, in una baita per la precisione. Quando mi trovo comodamente seduta davanti a quei massicci tavoloni in legno, un solo pensiero mi gira per la testa: polenta e formaggio!! Un classico tra le montagne, corposo, caldo e perfetto ammazza-fame. Lo preparano anche in Svizzera? forse, chissá!
Ecco come l'ho interpretato per la mia tavola e per La Svizzera nel piatto contest ideato da
Formaggi dalla Svizzera e Teresa del blog Peperoni e Patate.

Polenta, formaggio e funghi

Tortino di polenta con gruyère e funghi
x 2 persone

x il tortino
2 fette di polenta gialla
120 gr. gruyère 
2 cucchiai di latte

x i funghi (pioppini o chiodini)

Pulire e lavare velocemente i funghi. Cuocerli a coperchio chiuso per circa 10 minuti. Buttare l'acqua fuoriuscita durante la cottura. Aggiungere sale, pepe, aglio tritato e un filo d'olio extravergine di oliva. Cuocere ancora 15 minuti.

In un pentolino sciogliere il gruyère con due cucchiai di latte. Versare il formaggio ormai fluido all'interno di due coppapasta posti sopra un foglio di carta forno. Lasciare raffreddare a temperatura ambiente, e attendere che il formaggio si rapprenda. 
Con un coppapasta ricavare due dischi di polenta (cotta, rovesciata sul tagliere di legno e lasciata raffreddare) e tostarla su di una padella antiaderente (o in forno 10 minuti a 160°).

x le cialde croccanti
4 cucchiai di gruyère grattugiato
Sistemare un pezzo di carta forno su una padella antiaderente e stemperare il formaggio grattuggiato formando due cerchi abbastanza regolari. Cuocere 5/6 minuti e poi staccare le cialde dalla carta forno.

Composizione del piatto:
Adagiare al centro del piatto un cerchio di polenta tostata, due/tre cucchiaio di funghi, il disco di formaggio sciolto e raffreddato, e passare qualche minuto in forno caldo e lasciare che il formaggio si ammorbidisca.
Sormontare con una cialda croccante.





You Might Also Like

8 commenti

  1. accipicchia che piatto gustoso! una interpretazione coi fiocchi di un classico super goloso! mi fai venire voglia di venire a trovarti nella tua baita montana ;-)
    a presto,
    Giulia

    RispondiElimina
  2. accipicchia che piatto gustoso! una interpretazione coi fiocchi di un classico super goloso! mi fai venire voglia di venire a trovarti nella tua baita montana ;-)
    a presto,
    Giulia

    RispondiElimina
  3. Accidenti che gusto, poi la presentazione è favolosa, l'occhio vuole la sua parte e in questo tuo piattino è soddisfatto con tutti i crismi. Brava e in bocca al lupo per il contest.

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo: ormai è tempo di polenta in tutte le salse...
    Che bontà!

    Nadia - Alte Forchette -

    RispondiElimina
  5. Ottima equazione freddo=polenta, la proverò è bellissima

    RispondiElimina
  6. Dani...grazie!
    Giulia...sei la benvenuta:)

    RispondiElimina
  7. Che meraviglia! E complimenti per la presentazione...mai visto una polenta così elegante!
    Mi piace molto il tuo blog e mi sono unita ai tuoi lettori. Se hai voglia, vienimi a trovare.
    Ciao
    Barbara
    (http://dillo-cucinando.blogspot.it/)

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design