Tortelli ripieni di Burro Salato 1889 Fattorie Fiandino, parmigiano e e salvia

IMG_8089

Ecco la ricetta che prenderá part al contest dedicato al Burro Salato1889 organizzato da Fattorie Fiandino e Sandra Salerno di Un tocco di zenzero
Tra le varie idee che mi sono passate per la testa, ho poi deciso di utilizzare il burro "quasi" in purezza, questo per non perdere, con cotture sostenute o abbinamenti troppo "coprenti" tutta la particolaritá di questo burro.
Burro Salato 1889
La pasta fresca rientra tra le cose che amo piú fare (e mangiare) se ripiena é anche meglio, e classico dei classici completare poi il piatto con burro fuso e salvia (in genere), ma questa volta per uscire dalla "normalitá" ho pensato di invertire i fattori: il sugo dentro....e il ripieno fuori, cosí il burro é finito racchiuso in dei piccoli fazzoletti sottilissimi di pasta e la zucca (in questo caso) fuori. Mi é piaciuta l'idea di utilizzare la zucca, come ultimo colpo di coda stagionale, ma altri ripieni potrebbero trovar nuova gloria come condimento.

Ma veniamo alla ricetta:
Tortelli ripieni di Burro Salato Fattorie Fiandino, parmigiano e salvia

X 40 tortelli/ravioli

100 gr. farina 00
1 uovo intero

100 gr. di zucca cotta
¼ di scalogno
Sale, pepe
Olio extra vergine di oliva
Mostarda di pere

25 gr. di parmigiano reggiano
1 amaretto sbriciolato
4/5 foglie di salvia fresca tritata finemente

Tortelli ripieni di Burro Salato1889 Fattorie Fiandino, parmigiano e salvia

Impastare la farina con l’uovo  e lasciar riposare mezz’ora a temperatura ambiente.
Scottare in padella ½ scalogno con un filo d’olio e ½ bicchiere d’acqua. Aggiungere la zucca tagliata sottilmente, sale, pepe  e cuocere a coperchio chiuso fino a che la zucca sará morbida. Ridurre a crema con un frullatore ad immersione. Tenere al caldo.
Lavorare con una forchetta il burro, il parmigiano reggiano, 4/5 foglie di salvia fresca tritate finemente e l'amaretto sbriciolato (ne basta uno) fino ad ottenere un composto cremoso.  Sistemare l’impasto su pellicola trasparente ed arrotolare formando un cilindro. Riporre in frigorifero a compattare.
Tirare la pasta molto sottile con la sfogliatrice (o con il mattarello) e ricavare dei quadrati regolari da 3 cm di lato.
Prelevare il composto burro-parmigiano-salvia dal frigorifero e tagliare a dischetti alti circa 3 mm e sistemarli al centro dei quadratini di pasta, coprire con altri quadratini di sfoglia e sigillare bene i bordi.
Cuocere i ravioli in acqua salata. Appena ripreso il bollore, abbassare il fuoco e cuocere delicatamente i tortelli senza rimestarli troppo.
Sui piatti da portata sistemare a specchio la crema di zucca e adagiare sopra 10 tortelli. Rifinire con pezzettini di mostarda di pere.
Tortelli ripieni di Burro Salato, parmigiano e salvia

You Might Also Like

16 commenti

  1. Bella idea quella dello scambio dentro-fuori. Ripieno goloso!!
    Ma i pezzetti di mostarda di pere: quello e' un colpo di genio. Complimentoni :)
    Saluti alla panzerotta.

    RispondiElimina
  2. OOOOPS: niente panzerotta, stavo pensando a Virginia e quella frase mi e' sfuggita....
    SORRY

    RispondiElimina
  3. Bellissima ricetta. Io amo tortellini e tutto cio e ripieno. Sto proprio pensando a prepararlo al mio fidanzato. Peccato che dai noi non si riesce a trovare mostarda di pere. Cosa sarebbe? Una marmellata di pere?
    (c'è un piccolo errore: filo di occhio invece di olio ;-)

    RispondiElimina
  4. Corrado, i saluti me li vengo a prendere qui...insieme a una ventina di tortelli di ALex (sai com'è, in due è d'obblogo prendere doppia dose).
    Mi piacciono moltissimo e avrei giurato che il ripieno avesse bisogno di un giretto in freezer invece leggo che ti è bastato il frigo...
    Certo con una mostarda Portioli sarebbe stata tutta un'altra cosa...

    RispondiElimina
  5. Anch'io ho fatto la tua stessa scelta, lasciare il burro così com'è in purezza, proverò sicuramente la tua ricetta, la zucca ancora si trova, mi piace moltissimo as usual ;)) Baci

    RispondiElimina
  6. Super guduriosi!!! Bravissima

    RispondiElimina
  7. Alex, riesci a infilare un uovo di Colombo dietro l'altro ultimamente.

    Ogni volta mi ritrovo a pensare "mannaggia, ma come mai non mi è venuto in mente".

    Prendi cose "già viste", le rivolti, aggiungi un piccolissimo particolare e ne tiri fuori l'innovazione... beata te, ti invidio tanto questa capacità.
    ciao

    RispondiElimina
  8. Corrado...volevo lasciare il burro nella sua integritá, ne avevo pensate altre, ma amando la pasta ripiena ho deciso per questa...la mostarda ci vuole, giusto un tocco!!
    Dora...la mostarda é tipica in pianura Padana, piccantina, ideale per accompagnare i bolliti o da aggiungere al ripieno dei tortelli di zucca, molto conosciute sono quelle di cremona e mantova....quest'ultima peró mi piace di piú
    Virginia...in frigo il burro si ricompatta e ritorna nella consistenza originale (l'ho solo lavorato a crema e non sciolto) in breve tempo. E giá la mostarda Portioli (sospiro) cosa fare per averla? zompare a Milano? (a breve arrivo in ogni caso) passare a Mantova dal papà? quella che mi avevi dato secoli fa l'ho centellinata...ma anche i bei sogni finiscono...

    RispondiElimina
  9. Ady...come non si trova la zucca? stai scherzando? e come riesci a sopravvivere?
    Francesca...buoni sì e stasera si replica!!
    Fabiola...quando passi di qui mi lasci una valanga di complimenti che mi imbarazzano a volte. Come dici tu l'uovo di Colombo: cose semplici ma viste con occhi diversi o sotto altra angolazione...

    RispondiElimina
  10. No Alex, forse mi sono spiegata male, la zucca si trova ancora, sabato al mercato ce n'erano tante molto belle e buone ,))

    RispondiElimina
  11. Tornato a vedere, quel letto di zucca mi piace sempre di piu'....
    Io ho usato del burro salato nella mia ultima ricetta, quella delle lasagnette con alici e crema di ricotta. Non avevo il Fiandino, ho usato un burro danese salato e il risultato era ugualmente buono.

    RispondiElimina
  12. mmmm...che delizia mamma mia!!

    RispondiElimina
  13. carina l'inversione :)
    ma io sono a dieta non posso mangiarli, conservo la ricetta :)

    RispondiElimina
  14. Ciao,piacere di conoscerti!!!
    Anch'io adoro la pasta fresca...questi tortelli sono fantastici!!! Mi sono unita ai tuoi sostenitori!!!
    A presto,buona giornata!!!
    Fai un salto da me se vuoi ^_^

    RispondiElimina
  15. Ti seguo, se hai voglia passa anche tu da me, bacio
    http://www.rivierabrides.com

    RispondiElimina
  16. Ady...ho letto male io, pensavo NON trovassi la zucca invece...tutto bene!!
    Corrado...il burro salato lo uso spesso, se ben bilanciato all'origine, lo trovo splendido in molte preparazioni
    Mirtilla....hai l'acquolina?
    Gió...io sono sempre a dieta!! ma ogni tanto sgarro e poi rientro nei ranghi
    Patrizia...grazie della visita...vengo a trovarti!!
    Riverbrides...grazie!!

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design