Risotto al nero e crema di corallo

Risotto al nero di seppia e corallo di capasanta
e con il sacchetto del nero di seppia che ci facciamo? lo diamo al gatto, come dice simpaticamente Enza, quando non si sa bene come utilizzare qualcosa (o quando qualcosa non piace) ?...no, in questo caso lo tengo anche se ho comperato le seppie per utilizzarne gli occhi (e il loro inchiostro violaceo) per gli spaghettoni di qualche giorno fa.
In piú non potevo certo liberarmi del corallo di 4 capesante cosí facilmente...é bastato vedere su di una rivista un piatto di Carlo Cracco che é scattata la scintilla (lui ha usato riso venere).
Il risotto al nero di seppia, a Venezia viene realizzato con le seppie che avanzano (se avanzano) e le capesante sono  presenti ovunque, dalle osterie piú semplici ai ristoranti piú blasonati e ovviamente anche nelle cucine di casa.
Mercato di Rialto - Venezia
 Rialto - Mercato del pesce
Rialto - Mercato del pesce
Un consiglio quindi: preparare prima le seppie al nero (ricetta qui) magari accompagnandole con una buona polenta morbida (bianca e sottile) riuscire ad appartarne una piccola quantitá per realizzare il risotto il giorno dopo. 
Seppie al nero

RISOTTO CON SEPPIE AL NERO
per 2 persone
160 gr. di riso carnaroli
3/4 cucchiai di seppie al nero e il loro sugo
olio extra vergine di oliva
1/2 bicchiere di vino bianco secco
sale, pepe
poco aglio

Tritare finemente 1/4 di spicchio d'aglio e stufarlo brevemente nell'olio (attenzione a non farlo bruciare!!). Versare il riso e farlo tostare. Sfumare con il vino. Aggiungere le seppie  e continuare la cottura aggiungendo acqua calda in 2/3 volte. Regolare di sale e pepe. Dopo circa 18 minuti, togliere il risotto dal fuoco, aggiungere ancora qualche cucchiaio del sugo delle seppie (che sará denso e cremoso) un filo d'olio e mantecare il riso.

CREMA DI CORALLO DI CAPESANTE
Versare in un contenitore alto e stretto i coralli (almeno 4) e ridurli a crema con un mixer ad immersione. Versare a filo poco olio extra vergine di oliva, un goccio d'acqua, un pizzico di sale e creare un'emulsione spumosa.

Composizione del piatto:
Sistemare il risotto sul piatto lasciando un piccolo centro libero dove andrá versata la crema di corallo di cappesante.
                             

You Might Also Like

21 commenti

  1. Lo fai sembrare un piatto fatto con gli avanzi, ma e' geniale. Ed elegante.
    Brava (ma che te lo dico a fare?)

    RispondiElimina
  2. Gli avanzi sono la mia passione, il risotto è delizioso, ciao.

    RispondiElimina
  3. Bella la tua versione, quella con il riso venere non l'avrei apprezzata, i suo sapore non mi fa impazzire.
    La crema dei coralli delle cappesante è una genialata versatile e squisita.
    Sarà il mio prossimo risotto. Immagino che l'ulteriore cottura di 18 min (con il risotto) delle seppie al nero già preparate le renda ancora più morbide. Pensa che ho sempre avuto la convinzione che la cottura prolungata le rendesse gommose.
    ciao
    PS: finalmente dopo tanti tentativi ho un account funzionante :))

    RispondiElimina
  4. Adoro il pesce e questo risottino mi sembra fantastico nei colori e nel gusto!!!

    RispondiElimina
  5. la crema di corallo è meravigliosa: un'idea davvero super ^_^
    la prossima volta che compro della capesante... eheh grazie :D

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  7. Max...a chi lo dici!!
    Poverimabelli...grazie!!
    Mirtilla...grazie...il mercato a Rialto lo avró fotografato centinaia di volte, ogni volta mi diverto un sacco
    Fabiola...eccoti finalmente!! Alle seppie non succede nulla se le cucini insieme al riso, in questo caso le ho tagiate finissime quasi da confondersi con i chicchi.
    Passiflora...troppo gentile!!
    Francesca...esagerata!!
    Spighetta...anche a me é piaciuto molto il contrasto nero-arancio

    RispondiElimina
  8. Sono arrivata a leggere incuriosita al massimo, dopo aver visto la foto su Flickr. Hai classe ragazza mia... su questo non ho alcun dubbio!

    RispondiElimina
  9. Leda...grazie cara...sei troppo gentile

    RispondiElimina
  10. Bellissimo!
    Un contrasto di colori unico, molto chic.
    E questa crema di corallo è un'idea originale che mi piacerebbe provare anche in altre ricette! Fa proprio la sua figura e deve essere qualcosa di sublime.
    Bravissima!

    Nadia - Alte Forchette -

    RispondiElimina
  11. davvero raffinata la tua ricetta!
    ottima e golosa!

    RispondiElimina
  12. Questo voglio farlo quanto prima.
    Senti maaaaaaaa...anche la noce delle capesante (non frullate eh? Intendo nel risotto), dici che diventa troppo oppure ci sta?

    RispondiElimina
  13. Tra risotto e polenta non saprei cosa scegliere ... facciamo che assaggiamo tutti e due?
    Bellissimo risotto!

    RispondiElimina
  14. Nadia...la crema di corallo la puoi usare per una finta carbonara di mare...buonissima!!
    Gió...grazie!!
    Sarah...intendi insieme con le seppie?mmm le seppie ed il nero "ucciderebbero" un pó la polpa...la userei cruda tagliata a cubetti piccolini e sistemata alla fine sul risotto
    twostella...tutti e due!! quando faccio le seppie con la polenta poi preparo (con quello che avanza) risotto o pasta...non riescoa farne a meno!!

    RispondiElimina
  15. Scusa ma, quindi il corallo lo consumiamo crudo?!?

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design