Agnello alla provenzale come a Nizza a casa di Sandra (Un tocco di zenzero)

Agnello al forno
Finalmente sono riuscita a trovare una sella di agnello intera e non le solite costolette e quindi niente ma proprio poteva convincermi a non replicare questo piatto gustato il giorno di ferragosto in quel di Nizza (direttamente sulla Promenade des Anglais a voler essere precisi) cucinato magistralmente da Sandra.
Collage agnello al forno

Per prima cosa fate incidere la sella dal vostro macellaio ogni due costolette o fatelo voi (o il marito, l'amico, il fidanzato... se vi manca il coraggio) "armandovi" di mannaia e batticarne (in questo modo una volta cotta la sella sará piú facile porzionare).
Utilizzate erbe aromatiche e spezie che piú gradite: erbe provenzali, rosmarino, salvia, timo, aglio,curry ecc.
(ho usato un mix provenzale + erbe fresche del mio giardino + aglio)
Sistemate la sella con aromi e spezie sulla placca del forno. (Non ho marinato la carne, né ho voluto togliere il tipico sapore dell'agnello con aceto, latte ecc...Se non amate questo sapore, cucinate altro. In questo modo ho cotto anche il coniglio)
In una ciotola mescolate vino rosso e olio extravergine di oliva, sale e pepe. Create una miscela che andrá versata sopra la carne, in questo modo resterá morbida e profumatissima.
Importante la cottura: (come Sandra ordina, io eseguo)
al forno!!!!


Portare il forno a 190° e cuocere mezz'ora. In questo modo la carne verrá "sigillata" dalla "botta" di calore e non perderá i succhi durante la cottura. Abbassre la temperatura a 100° e cuocere altri 50 minuti. Abbassare di nuovo a 70° e teminare cuocendo ancora 20 minuti.

P.s.Dopo aver sbollentato patate e carote per 10 minuti ho continuato la cottura in forno per altri 50 minuti insieme alla carne.


You Might Also Like

7 commenti

  1. Mmmmh...
    sarà di un profumo che fa girare la testa...

    Delle erbette di Provenza io faccio uso e abuso, la carne mi piace super profumata...
    Ma forse è perchè in effetti non sono proprio una carnivora...quindi più la carne è mascherata, meglio è!

    Con le erbette di Provenza mangerei anche l'agnello, considerando che ogni volta mi fa scappare per l'odoraccio che secondo me ha quando è cotto sulla griglia... Lo mangio solo mascheratissimo.. :-S
    E AL FORNO! ^^

    Un bacio, ciao Alex!

    RispondiElimina
  2. Eccola!! pensa che io ho le tue foto e la ricetta in fase di 'preparazione' in bacheca. Alla fine hai fatto prima tu di me :)
    Allora ci facciamo un altro agnello per capodanno? :P

    RispondiElimina
  3. Agnello e erbe, che arrosto strepitoso! Solitamente al forno preparo la spalla ma con la tua descrizione mi inviti a sperimentare
    Tantissimi auguri di buone feste :-)

    RispondiElimina
  4. Io faccio cosi' il cosciotto, ma con la sella dentro cuoce molto meglio. Interessante la cottura.
    "Se non amate questo sapore, cucinate altro": grande!!!!

    RispondiElimina
  5. Il profumo arriva fino a casa mia, intrigante questa ricetta ... ottima anche per le festività ... adoro l'agnello!!! Buoni preparativi

    RispondiElimina
  6. bella ricetta! noi lo facciamo marinare, anche se è difficile trovare la sella intera :)

    RispondiElimina
  7. Barbara...pensa che a me piace proprio l'odoraccio come dici tu!!
    Sandra...pourquoi pas?...per l'agnello sono sempre pronta
    Twostella...l'agnello é buono tutto!!! auguri anche a te!!
    Corrado...anche il cosciotto é ottimo. Spesso vedo in giro troppe "coperture" ai sapori tipici degli ingredienti....se possibile, bisognerebbe esaltarli se non estrarli...un pó come la selvaggina...se non piace, perché coprirla in modo indecente?
    Elisa...la cottura é merito di Sandra, ho replicato alla lettera con grande soddisfazione.
    Gio...infatti anche da me non si trova facilmente, appena vista:presa

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design