Crème brulée di carciofi

Crème brulée di carciofi
Quei quattro fondi di carciofo, soli soletti nel fondo di una padella, non mi ispiravano proprio niente di buono. 
Li ripropongo come contorno? Naaaa... Ci faccio un risotto? mmm l'idea non arriva. 
Poi un giretto in rete mi risolve il tutto!! Trovo questa preparazione nel blog Cuisine Plurielle, lascio un commento... e copio di brutto.
Tiro fuori altre cocottine in vetro (anche queste vengono dalla Francia) e via ai fornelli!!! 

Crème brulée di carciofi
Questa la ricetta:

4 fondi di carciofo giá cotti
15 cl di latte
15 cl di panna liquida
1 tuorlo
sale, pepe
15 gr di zucchero di canna.
Mia variante: spolverata di liquirizia in polvere al momento di servire.

Ridurre a crema i fondi di carciofo in un mixer, unire tutti gli ingredienti e travasare nelle coppette.
Cuocere a bagno-maria in forno per trenta minuti a 150°.
 Lasciar raffreddare brevemente, coprire la superficie con lo zucchero di canna e caramellizzare con il cannello o sotto il grill del forno. Prima di servire spolverizzare con la liquirizia in polvere.

You Might Also Like

13 commenti

  1. com'era il titolo a IG 2010?
    Il lusso della semplicità.

    RispondiElimina
  2. Molto interessante, si presta bene anche con altri ingredienti (avanzi?).
    La tua aggiunta di liquirizia e' un'ispirazione da genio :)

    RispondiElimina
  3. Manu...ah ah ah...sono lontana anni luce dalle meraviglie che abbiamo visto e gustato a IG...in ogni caso GRAZIE!!
    Corrado...questo piatto l'ho servito come antipasto, quindi bisogna trovare un ingrediente che con lo zucchero non faccia a pugni: penso alle zucchine, anche le patate forse (ma allora lo vedrei bene come dessert...in ricordo degli gnocchi di patate e zucchero, o gnocchi di patate e susine della tradizione triestina)asparagi forse...ora anche la zucca e dopo la caramellatura un goccio di balsamico.

    RispondiElimina
  4. mediteremo sulla polentina che nasconde l'uovo, che il calore rende morbido, sommersa dal Parmigiano Reggiano.

    è il succo ciò che conta, la morale, il modo di pensare che sta dietro un piatto.

    :* bacio

    RispondiElimina
  5. Alex ma questa cosa è deliziosamente una gran genialata.... e quelle cocottine di vetro...che belle!!
    Buon weekend, Flavia

    RispondiElimina
  6. Ciao, riporto anche qui la risposta alla tua domanda di la' da me...

    @Alex: Bella domanda. Mi verrebbe da dire zucca e radicchio rosso (il dolce e l'amaro insieme), ma vorrei prima provare...

    RispondiElimina
  7. che particolare la copertura croccante, mi piace molto :)

    RispondiElimina
  8. WOW! questa sì che è una ricetta originale! E poco importa se l'hai copiata di brutto, ciò che conta è i lrisultato e ti osno venute fuoori delle cocottine bellissime e buonissime! Bravissima! ps: ho appena inaugurato un contst...perchè non partecipi anche tu? Mi farebbe molto piacere se tu volessi condividere le ricette della tua tradizione natalizia!

    RispondiElimina
  9. ..io darei sicuramente fuoco a casa nel farle queste! :D :D :D

    Scherzo.. sono deliziose, anche nell'aspetto!
    Mai avrei pensato ad un piatto del genere!

    La liquirizia, ci sta sicuramente troppo bene!
    Bravissima Alex!

    Un bacio grande,
    Babi

    RispondiElimina
  10. questa la voglio fare!!
    :P
    Adoro i carciofi!
    P.s. -3 giorni!

    RispondiElimina
  11. Interessantissima vorrei tanto assaggiare... E grazie anche per i consigli dati a Corrado ;-)

    RispondiElimina
  12. Corrado...grazie, gentile come sempre!!
    Mirtilla...anche a me piace tantissimo:))
    Mari e Fiorella...avete propio ragione: urge replica!!
    Claudia...l'autrice della ricetta mi ha ringraziato di averla copiata. L'ho trovata una bella idea degna di essere fatta!!
    Barbara...é facilissima, e davvero utile per un antipastino veloce e di effetto
    Sandra...manca poco!!
    Edda...grazie cara, mi fa sempre piacere leggerti!!

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design