Tuorlo a bassa temperatura e Tartufo d'Alba

Tuorlo d'uovo e tartufo
Ah il tartufo!!!
O non piace o lo si adora. Vie di mezzo credo non esistano.

Una o massimo due volte l'anno me lo concedo. La sua reperibilità non è così ovvia, ed altrettanto non facile è trovarlo a buon prezzo (ma dopo la fiera di Alba, il costo scende per un breve periodo, poi ahimè risale) In ogni caso meglio mangiarselo a casa propria. Il tartufo non richiede chissà quali ricette eleborate, anzi, tutto il suo carattere si esprime in abbinamenti molto semplici all'apparenza quasi banali.
In ogni caso o tartufo o niente. Il "sentore" del tartufo, lo evito come la peste l'olio al tartufo (aroma di sintesi) paste aromatizzate (vorrei sapere che aroma si sente una volta cotta la pasta) e altre diavolerie simili. Quindi, o riesco a trovarlo ad un prezzo "umano" o vivo serena lo stesso.

Con il prezioso tubero sono riuscita (senza lesinare sulla quantità) a preparare un paio di cosette:
Tajarin burro e tartufo - Uovo fritto e tartufo - Tuorlo a bassa temperatura e tartufo -
salvandone ancora un pezzetto per un'altro piatto.
Appena aperto il foglio di carta cucina che lo avvolgeva ho voluto come prima cosa, dargli giusto risalto:
Tartufo d'Alba
prima di passare alla fase di "taglio":
Tartufo d'Alba
per poi come prima ricetta del tartufo-day, preparare questa:

x 2 persone
2 uova (di P.Parisi)
sale,pepe
pane imburrato e tostato
tartufo d'Alba

Rompere delicatamente la sommità dei gusci. Allargare leggermente il foro ed eliminare l'albume (conservarlo per altre preparazioni). In un pentolino portare l'acqua a bollore e spegnere il fuoco.
Sistemare le uova nell'acqua calda, protette da dei "gusci" di retina o paglia (i miei in paglia, ma ho anche dei cuociuova adatti allo scopo) e lasciarli nell'acqua 10 minuti. Salare e pepare poco. Al momento di consumarli, cospargeli di fettine di tartufo, aiutandosi a recuperare il tuorlo con fettine di pane imburrato e ben tostato. Non sono neanche arrivati alla tavola, li abbiamo mangiati in piedi come finger food. E che finger food!!

Tuorlo e tartufo
Queste le altre due preparazioni di domenica:

Tajerin
Tajerin e tartufo bianco
Uovo fritto
Uovo al tegamino e tartufo bianco
E questo ieri con l'ultimo pezzetto:
Patate gratinate e tartufo
Patate e tartufo

You Might Also Like

19 commenti

  1. ed io l'adoro ed anche uno dei miei figli ma difficile trovarne uno meraviglioso cosi', bisogna cercare nei posti adatti...io riesco a comprare le brisure di tartufi, certo manca di qualcosa ma il profumo é quello!!!! lo mangio infatti anche con l'uovo e con i taglierin...una delizia irresistibile che qualche volta bid=sogna concedersi!
    Buona giornata :)*

    RispondiElimina
  2. che delizia!
    non conosco proprio questa cottura per il tuorlo..sto tentando di capire quali attrezzi mi servono per cucinarlo così perchè deve essere davvero una cottura perfetta!

    RispondiElimina
  3. Assolutamente d'accordo sull'accoppiamento del tartufo in semplicita'.
    Ho visto cose che voi umani... Per esempio tagliatelle all'uovo con ostriche e tartufi (ho visto mettere i tartufi quindi sono sicuro che non c'erano additivi). All'assaggio non sapevi cosa stavi mangiando. Da sparargli in mezzo agli occhi !!!!

    RispondiElimina
  4. Mi porti al dolce tartufo-ricordo di giusto pochi giorni fa... mamma che buono.
    E concordo pienamente: il tartufo o si ama o si odia.
    E riconcordo sugli aromi. Quando l'ho acquistato vendevano anche delle creme già pronte a 10 euro. Dico: a sto punto ci metto qualcosina di più e mi mangio il tartufo vero, e magari rinuncio ad un paio di cinema!
    Sono dell'idea che piuttosto di un'abbuffata di "aroma tartufo" preferisco una quantità più ridotta ma del vero prodotto e della sua bontà eccelsa.

    RispondiElimina
  5. ho scoperto per caso il tuo blog ed è stato amore a prima vista!!!!!!!
    ti ho aggiunto ai miei preferiti! a presto

    RispondiElimina
  6. alex, hai ragione o lo si ama o lo si odia, io, purtroppo, sono nella seconda categoria.... per anni hanno tentato di farmi provare i tajarin o l'uovo col tartufo o uno degli splendidi abbinamenti che il mio amico chef fulvio siccardi (monticello d'alba) propone, ma proprio non c'è verso di definere il suo odore "profumo"
    brrrr.... mi vengono i brividi al pensiero!
    però sono sicurissima che a chi piace, queste tue proposte paiano come il paradiso in terra!

    RispondiElimina
  7. Davvero telizioso...ma è stata pura fortuna averlo trovato profumatissimo e ad un prezzo ragionevole (mio marito era ad Alba per lavoro...e dove averne "annusati" alcuni ha scelto questo)
    Giò...all'inizio pensavo di cuocere l'intero uovo così (sistema Marchesi)...però volevo gustare il tartufo solo con il tuorlo "bavosetto"...se non hai il cuociuova che ho io...l'alternativa sono quei cestini in rete con il manico (cinesi?) che vendono in abbinata con il set per la fondue...in pratica l'importante è tenere il guscio dentro l'acqua calda evitando che la stessa superi l'apertura ed inondi il tuorlo
    Corrado...avendone solo una "patata" non me lo sono sentita di sperimentare...ma un paio di cosette le avrei in testa...non certo astice-foiegras-tartufo...troppi sapori "importanti"
    Sarah...dove ho comperato questo, preparano anche del burro, ma con pezzetti di tartufo bianco, te lo impastano al momento...ecco solo così si può avere l'aroma senza scendere ad aromi di sintesi...
    Maia...grazie della visita!!!...passo a trovarti anch'io
    Babs...non ci sono mezze misure. Con il tartufo proprio no. E quello che per alcuni è un profumo sensualissimo per altri un terribile olezzo...(((

    RispondiElimina
  8. ALEX: ho appena postato delle ricette rinascimentali per le quali avevi mostrato interesse

    RispondiElimina
  9. Grazie Corrado...vado a leggere!!!

    RispondiElimina
  10. Un signor tartufo, che invidia!
    Particolare anche la cottura delle uova, non la conoscevo.

    RispondiElimina
  11. Io appartengo alla grande famiglia degli amanti del tartufo. Ricordo ancora con emozione la prima "lamellata". E mi piace tantissimo l'idea dell'uovo cotto a bassa temperatura. Il tartufo è un vero gioiello .. è impagabile !!! Manu

    RispondiElimina
  12. ma..ma.. Alex! mi hai letto da qualche parte'?? medesime parole!! proprio l'altro giorno ho scritto da qualche parte che no mi ricordo dove.. da qualcuno che aveva postato qualche ricetta col tartufo.. "il tartufo o si odia o si ama, non c'è una via di mezzo. E io lo amo" caspita mi sono rivista nelle tue parole :)
    lo adoro...
    quest auta preparazione è semplicemente divina. Poi ho visto che hai commentato il mio utlimo post... e in quanto a basse temperature quindi mi vedi grande sostenitrice :) però scusami tantissimo ma non ho capito bene come vanno trattate le uova.. le metti intere nell'acqua bollente a fuoco spento e poi ? scusami :(

    RispondiElimina
  13. Lo amo lo amo... non riesco nemmeno a considerarlo un alimento è... gusto e aromi allo stato puro.
    Hai fatto benissimo ad usare piatti semplicissimi, ma come sempre con un tocca raffinatissimo.
    Albertone
    p.s.: volevo informarti che ho lanciato una nuova raccolta, anzi forse sarebbe meglio dire un progetto, intitolata Briciole di Bontà. Mi farebbe piacere averti con noi.
    Grazie.

    p.p.s.: sabato c'è Sigrid (Il cavoletto di Bruxelles) che presenta il suo libro a Venezia, se può interessarti.

    RispondiElimina
  14. Antonella...davvero...e che signore!!!
    Forchettina...anch'io la prima volta credevo di svenire...una "bomba" di aromi e sensazioni...
    Fiordivanilla...l'uovo lo puoi cuocere con lo stesso sistema anche intero (se vuoi mangiare anche l'albume)bolle l'acqua, spegni, sistemi le uova nel pentolino e aspetti 8/10 minuti...bianco sodo e tuorlo "bavoso"...qui invece ho eliminato l'albume, aprendo i gusci da crudi...poi ci vuole un supporto per tenere i mezzi gusci in piedi dentro l'acqua, senza che questa entri a toccare il tuorlo
    Albertone...vado a vedere per la raccolta. Grazie per le parole gentili!!!

    RispondiElimina
  15. Che voglia di tartufo mi hai fatto venire! Non conoscevo questa cottura per il solo tuorlo, la proverò, mi hai incuriosita!

    RispondiElimina
  16. Ciao Alex! Sono Valeria, la ragazza che hai conosciuto all'aperitivo del cavolo a Padova!! Complimenti davvero per il blog, come facevo a non conoscerti??? Sei una persona splendida, la tua passione è davvero travolgente!
    Un saluto!

    RispondiElimina
  17. Oh si, amore o odio, mai mezze misure con questo miracolo della natura!
    Fantastico questo concetto di finger food, lusso in purezza! Speriamo che riesco a trovarlo ancora in questa stagione!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  18. Gloria...ti ho tentato dì la verità!!!..
    Valeria...ma ciao!!! appena rientrata e mi scrivi subito?? troppo gentile!!! scusami se non sono riuscita a salutarti...ad un certo punto sono "volata via" (dmani altra giornatina light...) ma ci troviamo in rete dai!!
    Rossadisera...me lo sogno ancora la notte...quel tuorlo tiepido...mmmm

    RispondiElimina
  19. Complimenti per la degna celebrazione del tartufo d'Alba! E visto che sono indigena non posso che apprezzare!!! Appena mi capita l'occasione di un tartufo voglio provare la tua cottura dell'uovo, molto interessante!
    Ho trovato divertente la foto con la scatolina per gioielli :-)

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design