Spritz e tartare di tonno all'arancia

Aperitivo: Spritz e tartare di tonno con gelatina di arancia

Sarà per tradizione, sarà perchè mi piace proprio...ma a casa mia un "piccolo" aperitivo non manca mai. A volte mi diverto a consumarlo nei tanti "baretti" o "bacari" che pullulano in città, si incontra sempre qualcuno disponibile a fare due chiacchiere, o interi gruppi di persone che si "sparano" a go-go spritz e prosecchi. La parte del leone la fa ovviamente il classico aperitivo "plebeo" come amo chiamarlo io: lo spritz, perchè ancora oggi con solo €1,50 riesco a berne uno di "mondo" a due passi da Piazza San Marco (luogo frequentato da gondolieri e lì deve essere fatto ad arte per forza). Forse una vera ricetta non esiste, o meglio forse non è mai stata codificata, ognuno è libero di creare a suo piacimento: con prosecco, vino bianco secco, campari, aperol, select (difficile da trovare fuori Venezia, e quindi rende lo spritz assolutamente veneziano e unico) selz, acqua, acqua tonica...e chi più ne ha, più ne metta.
A volte esiste il "tocco" personale... qui voglio svelarvi il mio:
Spritz
50% di vino bianco secco (o prosecco)
25% di acqua tonica
25% di select (aperol o campari)
spruzzatina di cynar
1 fetta di arancia
ghiaccio
Versare vino, tonica e select nel bicchiere dove avrete sistemato un paio di cubetti di ghiaccio. Aggiungere un goccio di cynar e mescolare brevemente. Completare con la fetta di arancia ( con il campari preferisco l'oliva o scorzetta di limone).
L'aggiunta del cynar dà una "spinta" all'aperitivo regalando un sapore più persistente.
Un tempo c'era chi usava il rabarbaro, anni`50 o giù di lì...ora si è persa completamente l'abitudine, ma se nel bar di casa fosse presente una bottiglia ormai dimenticata, provatelo al posto del cynar e non ve ne pentirete!!!
Tartare di tonno e gelatina di arancia
È d'obbligo l'accompagnamento con un paio di "cicchetti".
Qui ho preparato due cucchiai di tartare di tonno con gelatina di arancia.
Ho tagliato a cubetti una fettina di filetto di tonno crudo, ho condito con olio, pepe e scorza d'arancia. Alla fine ho completato con fleur-de sel.
Sul fondo ho sistemato un cucchiaino di gelatina d'arancia, preparata aggiungendo un pizzico di agar agar a del succo d'arancia fresco.

You Might Also Like

20 commenti

  1. ma allora è vero che a Venezia lo spritz è un cult!!
    Splendido questo accompagnamento finger della tartare. Bravissima Alex

    RispondiElimina
  2. il cicchetto venexian..... cavoli, da quanto tempo non vengo a venezia! devo porre rimedio :-)
    ciao alex

    ps: sono ancora a casa, ma faccio qualche spot un giro, un giorno al mare (a recuperare mia figlia) uno in montagna, ieri a lugano sul lago.... aspettando il 28 per partire per il mare!

    RispondiElimina
  3. Anch'io quando posso cerco di non farmi mancare l'aperitivo, e lo Spritz fatto con il select e una punta di cynar devo proprio assaggiarlo!

    Sempre ottimi post Alex, ti porto anche i complimenti di mia madre che è approdata qui qualche giorno fa :)

    RispondiElimina
  4. Io sono una "spritz addict"...e l'idea del cynar mi piace proprio!

    Ma questo "select" non l'ho mai sentito...

    RispondiElimina
  5. Fiordivanilla...altro che cult...oggi me ne sono sparata due al mare
    Babs...fatti viva allora..faremo un giretto insieme...e buon mare!!!
    Camonilla...provalo, è davvero buono!!! Grazie anche alla tua mamma!!!
    Barbara...il Select si trova a Venezia e in qualche supermercato di Mestre...mi piace perchè è una via di mezzo tra aperol e campari, non troppo dolce, ma neanche troppo forte (campari)...vedo che ormai lo spritz raccoglie molti consensi!!!

    RispondiElimina
  6. Anni fa ero in giro per lavoro in Friuli, Venezia Giulia e Veneto. E li', quanti cicheti, quante ombre, quanti spritz! Il tuo, con tartare e gelatina e' una bella novita'. La gelatina, poi, se non e' troppo dolce, e' un colpo di genio.
    Nostalgia dei posti. Ai primi di Ottobre penso che faro' un giro commemorativo...

    RispondiElimina
  7. Questa dell'aperitivo l'ho sperimentata per la prima volta a Milano dopo averne sentito parlare alla tv e averne letto su internet...qui non è ancora una cosa così diffusa...

    RispondiElimina
  8. vedi a me ad esempio manca del tutto la tradizione dell'aperitivo: non è proprio di queste parti! però il tuo cocktail è molto interessante: l'amarezza del cynar nello spritz... perché no!? :)

    RispondiElimina
  9. Corrado...la gelatina non è dolce (non ho aggiunto zucchero) e ci sta una meraviglia...se passi da queste parti, fatti sentire qualche giorno prima: ti farò fare un giro di "ombre" serio!!!
    Mika...l'aperitivo è una delle più belle invenzioni della storia!!! anche se non lo bevo tutti i giorni, mi rassicura il fatto di poterlo consumare quando ne ho voglia...
    Sara...davvero non si usa? beh pensandoci, è vero non si beve ovunque...spesso quando mi trovo in giro per lavoro, me lo faccio preparare adhoc (anche se una volta lo spritz l'ho pagato caro, come un cocktail "serio")

    RispondiElimina
  10. ..Al Marcà lo spritz è buono.. l'ho trovato migliore sotto a Rialto ... comunque sia, provatelo col rabarbaro e CAMPARI!!!!! Sono in pochi a prepararlo così.. al max ti chiedono bitter o campari? e poi si arrangiano.. Meglio di base il bianco fermo o leggermente mosso, vero Alex??? Il prosecco dev'essere un buon prosecco e nei bar difficilmente si trova se non si conosce...
    Ciao
    Clelia
    Padova

    RispondiElimina
  11. Clelia...al Marcà vado per le polpette (strepitose) di solito bevo del vino (hanno qualche buona etichetta)ottimo lo spritz in Campo Santa Margherita. Come dicevo il Rabarbaro non lo usa quasi più nessuno...peccato davvero!!!

    RispondiElimina
  12. Grazie per il giro, ci conto.
    Una volta (tanti anni fa...) mi hanno portato a pranzo in un ristorante/trattoria su un'isola in laguna, sul dietro c'era un pergolato e ancora dietro campagna, per quel che e' possibile sulle isole. Vorrei tanto ricordarmi che isola e che trattoria, ma non riesco. Sono passati anni, e magari il posto e' cambiato enne volte, ma dalla descrizione ti viene in mente qualche nome? (Pero' ricordo che hanno portate peoci e granseole, fa-vo-lo-si).

    RispondiElimina
  13. Alex .. hai detto poco in Campo Santa Margherita!!!! Anche in Castello Basso si beve del buon e tradizionale spritz..
    Al Marcà è veramente buono il bianco 'fermo'. A volte è addirittura doc!!!
    Il rabarbaro sarà una decina di anni che non lo trovo negli spritz..
    Ma che buono è lo Zucca con il ghiaccio e limone!!!! in estate.

    Ciao
    Clelia

    RispondiElimina
  14. Corrado...Torcello? a volte vado al Ponte del Diavolo, (cucina tradizionale di pesce). O Sant'Erasmo? lì andavo quando avevo la barca...ma le verdure fanno la parte del leone ("castraure", zucchine ecc..)Vignole? li verde ce n'è, ma non ricordo un ristorante in particolare (se c'è...)
    Dammi qualche altra traccia...mi hai incuriosito!!!
    Clelia...nel mio prossimo giro "a bacari" ordinerò senza dubbio lo spritz al Marcà...e i Do Mori lo conosci? (si beve anche Tignanello a bicchiere e si mangia il mitico moscardino "in mano" o il tramezzino di toro)

    RispondiElimina
  15. Potrebbe essere Vignole! Mi ricordo che (allora) era gestito da una famiglia, loro dicevano da piu' di un secolo. Se sono sempre loro, e se chi cucina fossero sempre gli stessi, vale la pena di tornarci. Io ho vaghi ricordi -e forse ricordo male- di pasta fatta in casa e risotto coi peoci. Ma sono passati tanti anni...

    RispondiElimina
  16. Alex, c'è un posto da spritz piuttosto buono ai piedi di Rialto dalla parte di campo san Bartolomeo.. c'è sempre musica di sottofondo.. Van Morrison & Co...
    Ai do Mori intendi la Camnina dietro a San Marco? Certo che la conosco!!!
    Ora però fa troppo caldo per il giro dei bacàri.... se vai al Marcà..lo spritz dev'essere col 'galleggiante', allora è buono.

    Clelia

    RispondiElimina
  17. Una cosa che faro' prossimamente é proprio la gelatina d'arancia, siamo vicini all'autunno...ma no che dico, ancora ci vuole, ma é che questo aroma l'ho un po' abbandonato e quasi mi manca il profumo che si avverte durante l'inverno. Ho perso un bel po' di tue ricettine, per via delle vacanze ma ora mi ci metto tranqulla a visionarle tutte, già questa é molto sfiziosa. bravisima Cara Alex mi soprendi sempre invitandomi all'assaggio!!!
    Baci!

    RispondiElimina
  18. Ciao Alex,
    l'aperitivo si usa molto anche dalle mie parti(riviera adriatica)ma non con lo spritz che è tipicamente veneziano e grazie di aver spiegato la composizione perchè quando sono stata Venezia e ho chiesto ad una barista di cosa era fatto non è stata così chiara!

    La prossima volta che vengo lo prendo di sicuro!

    Da noi va molto il prosecco, vino bianco fermo o rosso come il Conero, Campari, Bitter, Aperol, Martini con cipolline in agrodolce, Negroni ecc...è molto vasto l'assortimento :)

    ...con accompagnamento di stuzzichierie varie come olive ascolane, patatine, tramezzini, pizzette, cozze e alici, pasta fredda ecc...

    L'accostamento che hai fatto con la tartare di tonno e la gelatina d'arancia deve essere ottima :-)

    Buona Domenica

    RispondiElimina
  19. Corrado...manco anch'io da molti anni dalle Vignole...ma mi informo se il ristorante esiste ancora...
    Clelia...Osteria ai do mori è vicino Rialto in una calle a lato del Campo delle Beccherie...da non perdere!!!
    Mariluna... come sono andate le vacanze? le mie sono volate...ma credo che le vacanze volino sempre a tutti!!!
    Carla...allora ti aspetto!!! così lo spritz lo prendiamo insieme. Anche qui usiamo mangiare vari "cicchetti" ed ogni osteria ( o bacaro come diciamo noi) ha le sue specialità...ecco perchè facciamo sempre volentieri un "giro de ombre" (o di spritz) proprio per mangiare sempre cose diverse da un posto all'altro...

    RispondiElimina
  20. sciccosissima ed originalissima preparazione!!!
    baciotti,ora mi devo recuperare tutti i post,sono appena rientrata dalle ferie ;)

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design