Mazzancolle con fagiolini e crema di ceci e zenzero

Mazzacolle,fagiolini e crema di ceci allo zenzero

Ultimamente sembrano "girare" per casa mia sempre e solo mazzancolle. Sarà un caso? No, credo proprio di no. Trovandomi "orfana" del mio pescivendolo di fiducia (che rientrerà dalle vacanze solo ai primi di settembre) non ho altra alternativa che acquistare pesce e crostacei nei supermercati. E lì ahimè ogni volta mi assale la tristezza. Nonostante il lay-out curato e la disposizione dei pesci in modo geometrico quasi maniacale, direi (ed io pur essendo visual-merchandiser per professione non arriverei a tanto), è più forte di me: non riesco a comperare mai nulla.
Questa la varietà che trovo giornalmente:
Cappesante - Atlantico Nordorientale
Gamberi grigi - prodotto decongelato Ecuador
Pangasio - Vietnam (orrore...ho già protestato con il direttore del supermercato)
Orate, Branzini - allevato Grecia ( certo il prezzo è conveniente ma gli allevamenti lì sono ad alta concetrazione e il pesce non nuota nemmeno, non ce la fa, manca lo spazio)
Polipo - decongelato Atlantico Nordorientale
Seppioline, Calamari - decongelato - Asia, di solito Thailandia
Tonno - rosso, che più rosso non si può perchè allevato a barbabietole - Asia
cosa resta infine di acquistabile?
Mazzancolle - Sicilia
Vongole, Cozze - Valli ( Sacca di Scardovari)
Branzini - Monfalcone

Ecco il motivo che ultimamente la mazzancolla diventa regina nella mia cucina. Certo di chilometri ne deve pur fare per arrivare qui nel Veneto, ma certamente meno se invece provenisse dall'Asia o dal Nord Atlantico.
Eppure sento sempre le persone lamentarsi della poca qualità degli alimenti, che una volta i sapori erano più veri... si, ma una volta si mangiava quello che la stagione proponeva, e non ci si sognava proprio di consumare fragole a Natale o verze a luglio. Eppure parlando con i vari responsabili dei reparti dei supermercati mi viene sempre risposto che è il mercato che esige questo, che la clientela pretende prodotti non stagionali giusto per variare l'alimentazione.
È un delirio!!!
Una giusta alimentazione parte dalla stagionalità, territorialità virando poi verso la varietà.
Per fortuna, un pò di allegria riesco a concentrarla a tavola. Ecco quello che sono riuscita a fare, prendendo spunto dal libro " I frutti del mare" edito dalla Gribaudo
MAZZANCOLLE con FAGIOLINI e CREMA DI CECI ALLO ZENZERO
x 2 persone
10 mazzancolle
2 etti di fagiolini
1 etto di ceci secchi
2/3 fettine di zenzero fresco
scorza di limone
sale, pepe
olio extravergine di oliva
Dopo aver lasciato ammollare i ceci in acqua fredda per 8 ore, lessarli in acqua leggermente salata. Una volta cotti, frullarli con lo zenzero, l'olio, pepe e sale, fino ad ottenere una crema vellutata. Tenere da parte.
Lessare i fagiolini. Scolarli e passarli sotto un getto di acqua fredda, così rimarranno croccanti.
Condirli con olio, pepe, sale e scorza di limone grattugiata.
Preparare le coppe ( o bicchieri) cominciando con il sistemare sul fondo i fagiolini, aggiungere la crema di ceci e zenzero (2 cm. circa).
Sgusciare le mazzancolle, togliere il filo intestinale e scottarle brevemente su di una padella antiaderente, lasciandone un paio con testa e coda per rifinire la composizione.
(Anche la cottura a vapore va venissimo)
Sistemare le mazzancolle sopra la cremi di ceci. Completare con poco sale e pepe e un filo d'olio extra vergine d'oliva.
Mazzancolle,fagiolini e crema di ceci allo zenzero

You Might Also Like

25 commenti

  1. Ciao Alex, complimenti! la tua ricetta è originale e si presenta benissimo... chissà che buona!

    RispondiElimina
  2. Complimenti per la bellissima ricetta e l'eccellente presentazione.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  3. Io già sarei contenta se trovassi la metà della varietà che trovi tu al supermercato. Qui è proprio na tristezzzzz! E quindi qua solo gamberi surgelati (ancora più tristezzzzz).
    Mi rifaccio quando vengo in Italia.
    Mannaggia, io credo di essere l'unica a non aver ancora provato l'accostamento crostacei-legumi. Mi sembra buonissima questa tua proposta.

    Ciao
    Alex

    RispondiElimina
  4. ceci e mazzancolle sono uno de imiei abbinamenti preferiti...di solito però ci faccio la minestra...questa cremina è da leccarsi le dita!:D

    RispondiElimina
  5. Mazzancolle anch'io! Mi sono ispirato alle tue creazioni e ho provato a inventarmi qualcosa. Non ci crederai ma anch'io mi trovo a guardare sconsolato il banco dei surgelati (mentre la moglie dice "dai... muoviti).
    La tua preparazione e' molto fine, mi piace molto. Particolarmente la vellutata di ceci e zenzero sul letto di fagiolini. Devo provare....
    Sei una fonte continua di ispirazione :-) :-)

    RispondiElimina
  6. e ci credo che hai comperato le mazzancolle sono quasi le uniche "acquistabili" visto che provengono dalla sicilia,hai ragione nei supermarket tengono molto di più all'aspetto estetico che per quello qualitativo,come dire l'occhio vuole la sua parte,e li finisce tutto, e visto che a casa mia il più delle volte si mangia crudo onde evitare epatite e meglio mangiare solo verdura! il banco dei surgelati molte volte è inguardabile solo al pensiero di avvicinarmi in quella zona una vocina mi dice chissà quante volte è stato ri-congelato... e allora scappo via!
    Che dire a questa fantastica combinazione di gusti e sapori impreziositi da una nota orientale,fantastica!

    RispondiElimina
  7. complimenti!! la presentazione è stupenda e la ricetta mi ha conquistata!! ottima!!

    RispondiElimina
  8. Vale...è molto fresca e vagamente orientaleggiante...e ci é piaciuta parecchio
    Daniela...grazie, la presentazione a bicchiere, secondo me è valida specie se si hanno ospiti...fa sempre la sua "porca" figura!!!
    Alex...a Monaco forse ero più fortunata, riuscivo a trovare pesce fresco che arrivava direttamente dal mercato di Chioggia...ma i prezzi ahimè...strabilianti!!! comperavo poche cose e abbinavo tanta verdura o una bella pasta...
    legumi-crostacei è un bellissimo abbinamento (anche i cannellini si prestano bene in molte ricette)
    Genny...hai ragione anche una bella vellutata di ceci o di fagioli è ottima da abbinare a dei crostacei, magari ai ferri
    Corrado...ho visto la tua ricetta sul blog!!! copiabilissima!!! ideale per queste sere d'estate...

    il cucchiaio d'oro...quello che mi rattrista di più è il banco dei freschi!!! quasi tutto prodotto decongelato e di provenienza lontanissima...hai voglia a parlare di cibo a km zero, a basso impatto ambientale...non ce la faremo mai fino a che perdurano queste malsane leggi di mercato.
    Federica...sei gentile, è anche semplice e veloce da preparare, provala dai, poi fammi sapere

    RispondiElimina
  9. Non tutti sono così avveduti ed oculati nella scelta del pesce ed hai fatto bene a ribadire i concetti che ti guidano nella scelta dello stesso: credo sempre che sia possibile rieducare ad un nuovo senso del gusto basato sulla genuinità, stagionalità e nel rispetto della territorialità
    Con la tua elegante proposta dimostri inoltre tutto ciò è possibile :))

    RispondiElimina
  10. Lenny...ecco Lenny, hai usato la parola giusta: rieducare. Purtroppo molto è stato dimenticato, ma credo che anche noi, nel nostro piccolo, nei nostri blog possiamo lanciare dei messaggi giusti e condivisibili.
    Grazie davvero.

    RispondiElimina
  11. bello e buono questo anipastino! Brava!

    RispondiElimina
  12. Alex, qui manco le mazzancolle trovo italiane....l'ultima volta ho preso solo le vongole....
    ottima ricetta, mi piace il contasto tra la crema di ceci e i fagiolini croccantini!

    RispondiElimina
  13. Bellissime le tue mazzancolle e complimenti per il blog stupendo verrò a trovarti molto spesso ;D

    RispondiElimina
  14. Questa ricetta la copierò sicuramente!!! Bella anche la presentazione!!!

    RispondiElimina
  15. Beh te le sei cavata bene anche senza i punti di riferimento :-) Questa verrine deve essere una delizia visti gli accostamenti!

    RispondiElimina
  16. Molto interessante, questa ricettina!
    HO fatto da poco un corso di cucina di pesce, am anch'io di fronte al banco del pesce poi mi blocco sempre, e quindi sto sfruttando ben poco l'investimento.

    Se ti va di passare dal mio blog, ho un regalino per te ;-)

    RispondiElimina
  17. Barbara...grazie!!
    Giò...cozze e vongole, per fortuna riesco a trovarle abbastanza facilmente, come le sardine...e sono le cose che ho sempre consumato da bambina, quando non ci si sognava proprio di fare il giro del mondo per mangiare qualcosa di "marino"
    spighetta...grazie della visita, a buon rendere!!
    Ariel...copia copia pure!!
    Dada...buona buona questa b"coppetta" ormai sono diventata mazzancolla-dipendente!!
    Kitchenlander...hai ragione, sabato pomeriggio in un ipermercato molto noto e solitamente ben fornito ho visto due scaffali frigo pieni di box (con la tracollina a mò di borsetta) pieni di surimi. Ho pensato:cavoli hanno creato anche la confezione da passeggio!!!!
    Mirtilla...tu si che sei una buongustaia!!!

    RispondiElimina
  18. Che bella ricetta, mi piace assai l'abbinamento legumi-crostacei. La presentazione elegantissima la completa. Bello. Un abbraccio

    RispondiElimina
  19. Alex,
    ma il tuo pescivendolo è andato in ferie con il nostro?! Anche noi infatti siamo in 'astinenza' da pesce fresco ma domani riapre, meno male!
    Valeria

    RispondiElimina
  20. Marilì...piace anche a me l'abbinamento con i legumi...qualcosa di diverso, dai...
    Valeria...mi sa di sì...domani rientra anche il mio per fortuna.

    RispondiElimina
  21. Alex, se ti dico che mi hai rapito con questo bicchiere mi credi?? Gli accostamenti e l'eleganza sono perfetti :))

    Pensa che io non riesco mai a beccare un pescivendolo aperto e mi accontento dell'Ipercoop che però in comopenso scrive chiaramente (e si spera in modo veritiero) da dove viene il pesce!
    La storia della varietà è una balla, ogni stagione offre abbastanza specie di frutta e verdura, se solo ci si impegnasse un po' di più...
    Ciao!

    RispondiElimina
  22. Oggi mi siete venute in mente tu e Virginia, che in TV avete fatto fegato e riduzione di Porto, e ho inventato qualcosa di simile, ma piu' autunnale.
    In un modo o nell'altro siete fonte di ispirazione......

    RispondiElimina
  23. Ciboulette...grazie sei davvero gentile!!! e quello che hai puntualizzato sulla stagionalità sono solo parole sante!!!
    Corrado...sono contenta se in qualche modo ti abbiamo ispirato!!! come ben sai qui a Venezia il fegato è "stausato" in cucina. Nei post vecchi ci sono un paio di ricettine con il fegato (una prevede l'uso di fichi caramellati e aceto di fichi) perchè l'abbinamento trovo sia "la morte sua"...

    RispondiElimina
  24. Proprio stamattina ho acquistato un chilo di gamberi dell'Adriatico... provenienti (come ho scoperto dopo precisa domanda) dalla Sicilia. A volte anche i pescivendoli hanno le idee confuse. Invece in un grosso centro commerciale di Pd ho preso una confezione di gamberi sgusciati congelati, di quelli che loro scongelano quotidianamente e ti propinano con la solita scritta "decongelato". provenienza Cina. Peraltro sabbiosi da morire. Sono inorridita per come ci vengono propinate le cose. Ciao e complimenti per il tuo sempre favoloso blog.

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design