FUSION:Massimiliano Alajmo e Pasquale Mirra

Massimiliano Alajmo & Pasquale Mirra

Sicuramente l'evento di più difficile descrizione e dal fortissimo impatto "sensoriale".
Nessun piatto degustato, nessun sapore è giunto al nostro palato, nemmeno la realizzazione è avvenuta davanti ai nostri occhi...ma solo dei profumi leggeri nell'aria, hanno messo in moto le nostre proprietà olfattive evocando ricordi creduti dimenticati.

Gli aromi hanno un suono. Questo suono è stato tradotto dal vibrafono di Pasquale Mirra.

Note acide: il limone
amaro: la mandorla
dolce:lo zucchero aspro: l'aceto

Ogni tasto sapientemente "percosso" da Pasquale, ci ha dato la possibilità di "udire" i vari elementi che caratterizzavano il piatto:

Scampi-arancia-mandarino-mandorla-limone-worchestersauce-olio

La soavità di un ingrediente è stata ricercata con l'ausilio di "strumenti" esterni: un panno per sottolineare toni vellutati o fogli di stagnola per ricreare lo "stridere" di toni molto acidi.
La realizzazione del piatto giunta a noi con il solo supporto di un video, è stata scandita oltre che dal battere dei coltelli sul tagliere dai tocchi lievi delle mani di Massimiliano.
I passaggi sui tasti, il cambio delle essenze profuse...e il piatto prendeva forma tassello su tassello
Lo xilofono, l'uso dell'attrezzatura da cucina...le essenze profuse in sala ci hanno trasportato fisicamente in un viaggio immaginario dove tutti i sensi hanno trovato appagamento.

Nuvole impercettibili di micro gocce si sono espanse tra di noi, avvolgendoci completamente in un turbinio di sentori, colori, suoni e per quanto incredibile possa sembrare anche gusti.

You Might Also Like

1 commenti

  1. Bel reportage, Alex. Come sempre.
    Tuttavia, da quanto scrivi, non mi pento di non essere rimasta domenica mattina: questo tipo di 'degustazioni' sono un pò troppo 'avanzate' per me (e per Giorgio)! Sicuramente non l'avremmo capita ed apprezzata.
    Valeria

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design