Tenerella di Maurizio Santin



E' la seconda volta che preparo la Tenerella di Maurizio Santin, e questo nel giro di due giorni.
La prima volta l'ho fatta sabato sera a conclusione di una cena con amici e l'ho accompagnata con una crema inglese aromatizzata all'arancia. Questa sera l'ho rifatta. Avevo ancora del buon cioccolato Valhrona, e tra mille dubbi su che dolce fare... ho optato ancora una volta per questo tortino. Si può anche preparare la torta in un'unico stampo e poi tagliarla a fette, glassarla, o accompagnarla con salse a piacere. Con le dosi di Santin ho preparato 8 tortini...e noi sabato eravamo proprio in 8.
E' proprio piaciuta a tutti e alle 3 di notte ho chiuso la serata scrivendo la ricetta per gli amici su dei fogliettini ....

TENERELLA di MAURIZIO SANTIN
200 GR. di cioccolato fondente al 55% Valrhona
100 GR. di burro
100 GR di zucchero
60 GR di farina
4 tuorli
4 albumi.

Raccogliere il cioccolato sminuzzato e il burro in una bacinella e farli sciogliere portandoli alla temperatura di 50°. Mescolando con una frusta unirvi i tuorlil, uno alla volta e la farina setacciata. Mescolare bene fino ad avere un impasto omogeneo. Montare a neve gli albumi aggiungendo poco alla volta lo zucchero. Appena pronti, unirli al composto tiepido di cioccolato amalgamando delicatamente con una spatola, mescolando sempre dall'alto verso il basso.
Versare l'impasto in un'unica tortiera oppure in formine singole e informare a 180° per 5 minuti nel caso delle formine e circa 15 minuti nel caso della tortiera. La torta deve risultare non troppo cotta all'interno per dare senso al nome di "tenerella". Utilizzare la torta per altre preparazioni o servirla da sola glassata al cioccolato o con una piccola salsa.

Questa sera ho spolverizzato di zucchero a velo ed ho servito i tortini con una salsa all'arancia.
Sabato invece come accompagnamento una crema inglese all'arancia.



You Might Also Like

11 commenti

  1. Io faccio un dolce molto simile, sono buonissimi :p

    RispondiElimina
  2. la torta tenerina...lavevo già vista...ma è sempre descritta come un capolavoro che ho paura di pasticciare...ma secondo te se la faccio in un unico stampo...grandezza?24 cm ho più piccolo?
    buona settimana

    RispondiElimina
  3. E' facile da fare... davvero. In un'unico stampo meglio 26... si gonfierà come un soufflè e poi smonterà..niente paura...la capovolgi e la glassi con una buona ganache al cioccolato....

    RispondiElimina
  4. Alla fine hai optato per un bis di questa, eh??
    In effetti non ha un brutto aspetto...

    RispondiElimina
  5. Virginia...colpa di Paolo...ha voluto il bis
    la crostata è già in lista...

    RispondiElimina
  6. ben riuscito questa tenerella ...brava!

    RispondiElimina
  7. E come potrebbe non piacere questo capolavoro?
    ciao
    Sempre ottimi piatti!

    RispondiElimina
  8. ma che buono!!!
    e che bellissima presentazione ;)

    RispondiElimina
  9. mi prendo anch'io uno di quei bigliettini.....ciaooo!

    RispondiElimina
  10. Di questi ne mangerei a vagonate e con le sue ricette non si sbaglia mai! Elga

    RispondiElimina
  11. eccezionali ! sarà che basta seguire la ricetta...secondo me ci vuole una mano speciale per farli belli come i tuoi !!:-)

    RispondiElimina

Post precedenti

Graphic design by

Graphic design